Correre naturale: il metodo per correre in sicurezza
  • Post author:
  • Post category:Abitudini

Una volta che ho deciso di smettere di fumare, mi sono ripromesso anche di prendermi maggiormente cura del mio corpo e adottare delle sane abitudini positive, tra le quali: la corsa.

C’è stato un episodio di qualche anno fa in cui avevo preso seriamente la corsa e mi allenavo molto. Inconsapevole e ignorante dei rischi, ho portato il mio corpo al limite, ottenendo la normale risposta di un infortunio. Il ginocchio aveva ceduto e per mesi sentivo male anche solo a camminare. Ecco quindi che abbandonai totalmente quel mondo.

Cosa è cambiato oggi?

Per caso, ho visto un’intervista sul portale di crescita personale Omnama di questo ragazzo atletico che si chiama: Daniele Vecchioni.

Rimasi incuriosito dall’intervista in quanto stava parlando di come abbiamo dimenticato il modo giusto di correre e di come questa semplice attività possa incrementare il nostro benessere e le nostre facoltà mentali. Ovviamente da appassionato di Crescita Personale non potevo lasciarmi sfuggire quest’occasione di auto-miglioramento.

Ecco che, dopo qualche ricerca su internet, sui vari social e portali, mi convinsi presto a comprare il suo libro: “Correre Naturale“.

Correre naturale: recensione

Il libro è molto scorrevole e decisamente molto pratico, rispettando in pieno le aspettative che mi ero fatto. Il suo metodo è diviso in 3 parti:

1. Software

Se in informatica lo identifichiamo come un programma, il software del nostro corpo è suddiviso in 4 pilastri che ci permettono di eseguire il movimento corretto mentre stiamo correndo. Questi 4 pilastri sono:

  1. Postura: il nostro busto dovrebbe essere ben dritto e non sbilanciato in avanti.
  2. Ritmo: molto interessante in quanto gli infortuni possono capitare non solo se andiamo troppo veloci, ma anche quando andiamo troppo piano. Grazie all’uso di un metronomo possiamo sincronizzarci sul giusto ritmo da seguire che si aggira sui 175 bpm.
  3. Relax: un check-up, un potente esercizio di autoconsapevolezza che dobbiamo eseguire mentre corriamo per individuare zone rigide e imparare a rilassarle! Imparando così ad ascoltare meglio il nostro corpo e diventarne più consapevoli.
  4. Appoggio del piede

2. Hardware

Con hardware intendiamo proprio la manutenzione fisica del nostro corpo! La sezione del libro è veramente ricca di contenuti interessanti ed esercizi pratici per rafforzare il nostro corpo per rieducarlo a correre, riducendo sensibilmente la possibilità di farsi male.

Non troverai i soliti esercizi.

Ad esempio, Daniele ci racconta di come il nostro piede lo abbiamo costretto e “torturato”, forzandolo a stare dentro scarpe strette, modificandone l’aspetto originario e quindi la sua efficacia. Egli lo paragona ad un capolavoro di ingegneria. E in effetti è così.

Quindi gli esercizi semplici, ma efficaci che consiglia servono proprio ad aiutare il nostro piede a ritrovare la sua forma e la sua forza.

Un esercizio che ti voglio proporre subito che mi ha davvero affascinato e che pratico regolarmente è quello dello “Squat naturale“, che è diverso da quello che faresti in ogni palestra.

Per maggiori info ti rimando al suo video in cui ti spiega e ti mostra come eseguirlo.

3. Training

Nell’ultima parte del libro non potevano mancare i consigli di un buon training per abbinare in maniera perfetta e pratica quanto abbiamo imparato fino ad ora.

Un esempio ce lo mostra Daniele con la sua “Corsa Rigenerante“.

Metodo Correre naturale: la mia esperienza personale

I benefici della corsa e dell’attività aerobica sul nostro cervello sono già stati più volte dimostrati anche scientificamente. Non ci sono motivi per cui non farlo e riscoprirne il piacere.

Tendiamo infatti a collegare la corsa come a qualcosa di doloroso, ad un “sacrificio” che dobbiamo fare per ottenere altro in cambio. Mi piace molto come nel suo libro, Daniele Vecchioni, cita alcune convinzioni limitanti come: “no pain, no gain”, che letteralmente significa: “Nessuna sofferenza, nessun guadagno”.

Lasciati trasportare dalle parole di Daniele e dagli studi ed evidenze scientifiche che porta a suo supporto per cambiare da oggi la tua mentalità a riguardo!

Ora corri sempre?

No, ora ho imparato ad ascoltare e rispettare maggiormente il mio corpo!

Ogni giorno magari faccio una corsa rigenerante o una corsa camminata, ma sto molto attento ai segnali che ricevo dal mio corpo.

Cerco di introdurre quotidianamente nella mia routine dell’attività aerobica, cosa che mi viene facilitata avendo un cane (leggi come aiuta a rafforzare la nostra empatia), ma sto ben attento a non superare i miei limiti accelerandone i tempi.

Il progresso è come il percorso di miglioramento della crescita personale, ci vuole il giusto tempo.

Che benefici hai notato?

Personalmente mi sento davvero “rigenerato“.

Non ho intenzione (per il momento) di partecipare a maratone o diventare un professionista nel settore. Desidero solo scaricare meglio lo stress, conoscermi più a fondo, prendermi cura della mia “macchina” per poter dare sempre il massimo!

Mi sembrava incredibile le prime volte, ma ora la corsa non è più qualcosa di faticoso e noioso.

Sono più concentrato e maggiormente centrato su me stesso.

Inizia a correre divertendoti

Consiglio davvero a tutti l’acquisto e la lettura di questo libro, applicandone la teoria e testandola in prima persona per poterne apprezzare il potenziale!

Se non corri per paura di farti male, o perché la reputi un’attività faticosa e noiosa, il libro “Correre naturale” fa davvero per te!

Sfidati e fammi sapere cosa ne pensi. Ci hai già provato? Conosci altre tecniche o suggerimenti da dare a chi desidera cominciare? Lascia il tuo commento!

Ti invito a mettere anche il Mi piace sulla pagina Facebook usando il box qui sotto per non perderti le novità, richiedendo anche l’iscrizione al gruppo protetto ed esclusivo di Crescita Personale, per confrontarti con altri Esploratori ed Esploratrici da tutta Italia!

Vuoi aggiornamenti in tempo reale, offerte e contenuti esclusivi? Unisciti al nostro canale Telegram con un click!

Condividi ai tuoi amici

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Lascia un commento

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu