Empatia: Abitudini, Caratteristiche e come svilupparle
  • Post author:
  • Post category:Abitudini

Cos’è l’empatia? Quali sono e come puoi sviluppare anche tu le Caratteristiche e le Abitudini delle persone empatiche? Perché è così importante svilupparle al giorno d’oggi dove si tende sempre di più all’isolamento sociale e all’individualismo?

E se ti dicessi che alcune delle qualità di un empatico posso darti un enorme vantaggio sulla strada che percorri per raggiungere il “successo“?

Bene, se sono riuscito a catturare la tua attenzione in queste poche righe, ti invito a leggere l’articolo fino in fondo. Troverai la risposta a tutte queste domande più alcune strategie e consigli che ti possono tornare utili

Non mi resta che augurarti una buona lettura!

Io non chiedo al ferito come si senta, io divento il ferito.

Walt Whitman

Prima di cominciare ti chiedo di dedicarmi solo un secondo del tuo prezioso tempo: se vedi il box qui sotto, clicca su “Mi Piace“, in questo modo mi aiuterai a crescere e potrò fornirti materiale di migliore qualità. Grazie!

Sapresti dirmi cosa significa il termine Empatia?

Proviamo a consultare il vocabolario online della Treccani per vedere cosa ci suggerisce per il termine empatia:

In psicologia, in generale, la capacità di comprendere lo stato d’animo e la situazione emotiva di un’altra persona, in modo immediato, prevalentemente senza ricorso alla comunicazione verbale. Più in particolare, il termine indica quei fenomeni di partecipazione intima e di immedesimazione attraverso i quali si realizzerebbe la comprensione estetica.

Se sei rimasto un po’ confuso, proviamo con la descrizione recuperata dall’enciclopedia, sempre della Treccani.

Capacità di porsi nella situazione di un’altra persona o, più esattamente, di comprendere immediatamente i processi psichici dell’altro.

Già meglio, vero? 

Bene, ora vorrei concentrare la tua attenzione sulla parola “immedesimazione“. Ricorriamo sempre alla nostra enciclopedia online della Treccani:

Processo attraverso cui un soggetto si trasferisce idealmente nelle vicende e nella situazione psicologica ed emotiva di un’altra persona. In psicoanalisi il termine fu usato da S. Freud come sinonimo di empatia.

Ok, in sostanza i due termini: empatia e immedesimazione, significano la stessa identica cosa! E, a quanto pare, Freud è stato uno dei primi a usare l’immedesimazione come sinonimo di empatia.

Chi sono i maestri dell'immedesimazione?

Sicuramente gli attori ci forniscono un valido esempio. Ecco svelato perché, per loro, è fondamentale sviluppare questa capacità straordinaria, di “calarsi nei panni di un altro“. Le loro scuole di recitazione servono proprio a sviluppare e ottimizzare al meglio questa grande abilità.

C’è chi dice che questa è un’abilità innata: o ce l’hai o non ce l’hai. Io sono convinto che ognuno di noi ce l’abbia o, quanto meno, ce l’abbia avuta. Chi più e chi meno. Le esperienze che fai nel corso del tempo però, possono aiutarti a svilupparla o in alcuni casi, come i serial killer, a distruggerla completamente. Ognuno di noi dovrebbe migliorarsi, lavorando su se stessi per svilupparla ulteriormente, in modo tale da non creare danni enormi nelle altre persone e in noi stessi.

Ora, se vuoi e se ne hai il tempo, ti consiglio vivamente di seguire e partecipare ad un corso di recitazione, perché, in un percorso come il tuo di Crescita Personale, ci sono veramente tantissimi benefici:

  • aumento autostima
  • imparare a parlare correttamente
  • affrontare diverse paura
  • raggiungere traguardi personali e così via dicendo.

Fidati, non te ne pentirai di quante emozioni ne beneficerai!

Consiglio: Se non vuoi, o se non puoi, spendere tanto, ci sono anche numerose compagnie amatoriali che lo fanno per passione, quindi per te è praticamente GRATIS! Puoi cominciare da quelle!

L'empatia è la chiave di un Cambiamento... Sociale!

Prova a pensarci un secondo. Se sei nato tra gli anni 80 o prima, sono sicuro che ti sarai accorto anche tu di come le relazioni sociali siano drasticamente cambiate. Purtroppo, in peggio!

Senza telefonino, internet e altre tecnologie sicuramente eri più incentivato ad avere interazioni sociali con altre persone. Non solo! Si respirava un’altra aria, non c’era così paura nell’aria, ci si fidava di più e si conosceva tantissima gente nuova.

Oggi, invece, siamo portati ad avere paura di tutto e tutti, ne senti di ogni sui TG e ne vedi di tutti i colori anche sui Social.

L’emozione della paura è potentissima e si allarga a macchia d’olio. Ovunque.

Ora, non voglio puntare il dito sulla tecnologia, perché non è la colpa dei cellulari se siamo finiti così. No! La colpa è nostra e solo nostra. Ci lasciamo “abbindolare” da tutto e da tutti. Diciamo la verità: siamo pigri! Ecco perché la maggior parte delle persone preferisce credere a notizie FALSE, piuttosto che “perdere” 5 minuti ad accrescere la propria cultura per scovare la verità.

Immagina quindi, se già in tenera età, nelle scuole, venisse riservata una materia sull’educazione digitale, sul come proteggersi dal cyber-bullismo e su come sviluppare una maggiore empatia. Oggi, per fortuna, si comincia a intravedere il danno fatto alla società, quindi sono sempre di più i progetti che mirano a istruire meglio gli studenti su tutti questi aspetti.

Immagina: se ognuno di noi coltivasse la propria empatia, ci sentiremmo veramente male a far del male, o anche solo a vederlo fare su qualcun altro. Questo porterebbe ad una maggiore responsabilizzazione dei diritti umani a livello globale, ci sarebbe più Amore che Odio per le strade. Meno violenza. Si potrebbe uscire di casa più tranquilli, senza la paura di venire derubati con un coltello puntato alla gola. 

Capisci quanto sarebbe importante che ognuno di noi possa sviluppare una corretta empatia?

Perché dico "corretta" empatia?

L’empatia non è sempre corretta?! No. Come per tutte le cose, il troppo “stroppia“. Un empatico “cattivo” è quello che finisce per diventare vittima di un manipolatore, pronto a sfruttare a suo vantaggio le debolezze emotive per un suo torna conto. Una sanguisuga energetica dal quale è meglio stare ben lontani e imparare a proteggersi.

Generalmente questi “vampiri energetici”, li puoi riconoscere abbastanza facilmente, perché non fanno altro che riversare la loro negatività, il loro rancore, le lamentele e il proprio vittimismo sugli altri. 

Un buon empatico è capace a gestire i propri livelli energetici. Ad esempio, è in grado di veicolare l’energia della rabbia verso obiettivi costruttivi che lo portano ad entrare in competizione, anche solo con se stesso, per raggiungere uno scopo o un traguardo. Inoltre, sono dotati di alcune caratteristiche più sviluppate, come l’intuito, che permettono loro di ponderare bene le situazioni nelle quali possono dire “” e quelle in cui devono dire “No“. 

Essere “troppo sensibili“, quindi senza alcuna protezione, ha un costo molto alto. Ti porterà a dire sempre di ““, a tutto e a tutti, anche a tuo stesso discapito. In questo modo diventi facile vittima di questi manipolatori.

Ecco perché è importante sviluppare una buona educazione sull’empatia.

L'empatia crea legami più forti

Non importa se nella vita vuoi raggiungere il successo nel lavoro, nelle relazioni o in altri campi, se non sai sviluppare l’empatia potresti fare molta più fatica del necessario.

Perché?

Approfondiremo meglio le caratteristiche degli empatici nel paragrafo successivo. Per il momento, immagina di trovare finalmente qualcuno che quando parli ti capisce, ti ascolta, prova le tue stesse emozioni. Con questa persona, molto probabilmente, svilupperai sin da subito un grande legame, perché alla fine tutti noi cerchiamo negli altri un po’ di “comprensione“. Vogliamo confrontarci con altri esseri umani e sentirci capiti

Quindi che tu voglia trovare l’amore della tua vita, un amico fidato o un nuovo Leader da seguire, da chi andresti? Non credo sceglieresti qualcuno completamente apatico, che non ti trasmette nessuna energia, nessuna emozione.

Noi VIVIAMO per le emozioni, siamo sempre alla ricerca di nuove emozioni forti da provare per sentirci appagati e l’emozione è energia.

Se hai la fortuna di incontrare una persona sensibile, non approfittarti di lui, ma stagli vicino, aiutalo a fortificarsi perché sarà una persona speciale nella tua vita.

Ognuno di noi passa brutte esperienze, che ci temprano, ma per una persona troppo empatica queste esperienze potrebbero essere “troppo da sopportare“. Ecco perché le persone sensibili avrebbero bisogno sì, di esperienze tempranti, ma anche di qualcuno di fidato che lo aiuti e lo sproni a rialzarsi con le proprie gambe.

“Non importa quante volte cadi, ma quante volte cadi e ti rialzi.”

Vince Lombardi

Ecco le Principali Caratteristiche e Abitudini delle persone Empatiche

Ora sono sicuro che hai capito quanto sia importante sviluppare questa qualità per il bene tuo e di tutto il nostro Pianeta, che sarà lo stesso di dove vivranno anche i tuoi figli!

Se vuoi raggiungere un traguardo che consideri il tuo “successo” della vita, scoprirai che alcune delle caratteristiche delle persone empatiche tornano molto utili. Ad esempio, non sarebbe più facile fidarti di chi hai di fronte, che magari ti vuole proporre un affare, se riuscissi a capire subito se ti sta mentendo o meno? Te ne parlerò meglio dopo, ma , molti empatici hanno questa grandissima capacità di “radar” delle bugie.

Non perdiamo altro tempo! Scopriamole ora tutte.

Si cala perfettamente nei "panni" dell'altro

A livello mentale, il loro cervello è organizzato per connettersi a livello emotivo con chi ha di fronte. Non dico che può leggere il pensiero, ma può leggere le emozioni. O meglio, le prova lui stesso sulla sua pelle. Ecco perché può identificare più facilmente di altri, le persone che mentono. In qualche modo, riesce a sentirlo. Se provassi a descriverlo, direi che è una specie di sensazione che il tuo intuito ti manda attraverso segnali nel tuo corpo. Cominci a “sentire” che c’è qualcosa che non va.

Per essere emotivo però non c’è bisogno di avere la persona fisicamente davanti, magari senti la notizia di una mamma disperata che ha perso il suo bambino in tragico incidente e automaticamente, sia che tu sia uomo o donna, ti cali nei suoi panni e cominci a sentire anche tu gli occhi lucidi e le prime gocce che cominciano a sgorgare. Esatto, questa è una reazione empatica. Stessa cosa la si può dire di un film drammatico. Anche se, in realtà, questo viene studiato minuziosamente per consentirti l’immedesimazione totale coi protagonisti, portandoti a vivere tu stesso le loro emozioni. Forse anche questa potrebbe rientrare nel concetto di empatia, anche se vieni facilitato, tuttavia puoi immaginare quello che passa nella mente di una persona empatica. Vive quello che gli racconti tramite le tue emozioni e le fa sue.

Però detta così sembra chela persona empatica assorba molto di più le cose negative che quelle positive. Perché sono quelle che troviamo sempre in TV, nei social e ovunque, quindi è normale che, se sei una persona empatica, correrai ai ripari e cercherai di proteggerti.

Come?

Ad esempio, imparando ad adottare una mentalità più positiva che ti permetterà di sfogare la negatività che accumulerai. Riduci le fonti di queste brutte notizie, concentrati di più su quello che ami. Circondati anche di persone positive che possano ispirarti, oppure sfrutta la tecnologia per seguire i tuoi Idoli sui Social o piattaforme come YouTube.

Una persona empatica è più introversa

Non voglio fare di tutta l’erba un fascio, ovviamente ci sono le eccezioni, ma a quanto pare, la maggioranza degli individui empatici tendono ad essere più introversi.

Cosa significa?

Vuol dire che queste persone non sopportano molto le masse o comunque i luoghi affollati. Anche quando escono con amici, non amano una compagnia numerosa, bensì preferiscono stare con poche persone. Alcuni potrebbero pensare che preferiscono la qualità alla quantità e in un certo modo è vero. La loro sviluppata sensibilità li porta a trascorrere più volentieri del tempo con chi si riesce a creare un’atmosfera di ispirazione e motivazione, quindi di energia positiva. Nei gruppi numerosi, statisticamente, c’è sempre quell’elemento che comincia a lamentarsi o parlare di problemi, certo ai molti non interessa, ma la persona empatica vivrà questi problemi e si lascerà trasportare dalle emozioni negative. Quindi ora puoi capire il perché siano generalmente più introversi.

Gli empatici che magari partecipano maggiormente a concerti, feste o comunque a luoghi affollati, generalmente, prestano comunque attenzione a non passarci troppo tempo.

Questa introversione comporta anche che siano persone che preferiscano passare un po’ di tempo da soli. Essendo colpiti e trascinati dalle emozioni delle persone che frequentano o che “captano” in giro, hanno bisogno periodicamente di un po’ di spazio da dedicare a loro stessi, in cui possano liberarsi da queste energie, per ricaricarsi.

Gli empatici danno maggiore profondità ai sentimenti come l'Amore

Una persona empatica, più sensibile, sarà maggiormente coinvolta in una relazione amorosa, dando completamente tutto se stesso e facendo sentire appagato il partner. I sentimenti e le emozioni, infatti loro le vivono intensamente.

Tuttavia, quando le relazioni vanno male e finiscono, il dolore che gli causa tende a farli chiudere in sé stessi, limitando sempre di più di aprirsi completamente, per non rimanere completamente vittime della sofferenza. Ecco perché per queste persone è assolutamente necessario avere un rapporto basato sulla fiducia. Inoltre, per quanto si possano chiudere, col tempo e con l’Amore, queste persone saranno in grado di completarvi e rendere la vostra vita ricca di emozioni.

Spezzando ancora una lancia a favore della persona empatica, quando si innamora, tendenzialmente, puoi stare tranquillo che non ti tradirà mai. Come ti ho già detto, vive intensamente le emozioni, quindi non si sognerebbe mai di ferire i tuoi sentimenti. Se dovesse arrivare il momento in cui il sentimento non è più corrisposto, manterrà una certa dignità ed etica morale che gli farà affrontare la situazione optando per la fine del rapporto. Non aspettatevi scuse e tradimenti. L’animo di un empatico è un animo sensibile e puro, quindi fate attenzione a non approfittarne e a non ferirlo.

L'empatico ha una forte connessione con la Natura

Ecco cosa cercano e di cosa hanno bisogno per ricaricare le loro energie. Immergersi nella natura. Se infatti, a molte persone un bel panorama può suscitare un “Wow“, su una persona empatica si scatenano una serie di emozioni fortissime, che vivono intensamente e che lo ricaricano completamente.

Se sei una persona empatica e trovi in un periodo un po’ “buio“, ascolta il mio consiglio: 

organizza con la tua famiglia, o con uno o due tuoi amici un’escursione in montagna, al lago o dove preferisci, basta che sia nella natura. Anche il mare va bene, basta che la spiaggia non sia affollata. Se preferisci e se conosci già il posto, puoi anche andarci da solo. Mentre passeggi ed “Esplori“, concentrati su di te. Focalizzati sull’aria pulita che stai respirando e che ti purifica. Senti la vita tutto attorno a te e che tu ne sei parte. Ricollega le tue emozioni a madre Natura e lei ricaricherà le tue energie.

Ti parlo per esperienza personale!

L'empatico ha l'abitudine di fare del bene

Una persona sensibile, molto empatica, probabilmente farà quanto gli è possibile per dare una mano come può. Se, ad esempio, si sente molto legato alle problematiche dell’ambiente, farà di tutto per mantenerlo pulito, evitando gli sprechi e l’uso della plastica. Piccole o grandi azioni. Dall’attenzione sul riciclo alle donazioni per supportare questi loro ideali.

Un animo gentile potrà anche trovare affinità con le persone malate, bambini poveri senza cibo o acqua e così via dicendo.

Anche piccoli gesti, come l’aiutare una signora anziana a portare la spesa, spinge e motiva queste persone a trovare un significato più profondo della loro vita.

Progetti sociali e umanitari. Queste persone vogliono e danno il loro contributo al miglioramento di tutto questo, perché quello che desiderano è di migliorare la vita di molti, capendone i problemi e le emozioni legate, non trovano scuse, ma agiscono in prima persona. 

L'empatico potrebbe trascinare il mondo al cambiamento

Un grande Leader, una persona che ci sa ispirare fiducia, che ci unisce per uno scopo o una missione comune, che riesce a tenere salde le persone, secondo te che tipo di persona dovrebbe essere?

Sicuramente una persona dotata di un forte potenziale energetico, di Carisma, ma per “trascinare” e coinvolgere a livello emotivo le persone, dovrà sicuramente possedere alcune doti tipiche degli empatici.

Probabilmente lo conosci già, altrimenti ti consiglio vivamente di informarti, ma Tony Robbins incarna tutto questo. La sua missione di vita, che in fondo è divenuta anche il suo business, è quello di aiutare le persone a trovare un punto di “svolta” nella loro vita, grazie al quale ti puoi dire:

Ok, ora basta, merito di meglio, merito di più!“.

Arrivare a comprendere questo è essenziale

Tu che stai leggendo e che sei arrivato a questo punto della lettura, sei sicuramente un essere Speciale, forse non te ne rendi ancora conto, o forse sì, ma hai già intrapreso quella strada. Tu sai, magari a livello inconscio di volere di più e di Meritare di più, da te e dalla vita!

E non c’è nulla di sbagliato in questo! 

Anzi, ti faccio i miei più sinceri complimenti, perché, realizzando la tua vita, diventerai un esempio e un riferimento affinché anche altri possano intraprendere questa meravigliosa “Esplorazione” e, un po’ alla volta, ogni essere umano cercherà la via per migliorare se stesso, la propria vita e quella degli altri.

Ogni vita è preziosa e merita di essere vissuta con Amore.

E tu, sei una persona empatica?

In base a tutto quello che ti ho detto fino ad ora, ti sei ritrovato con una o più caratteristiche o abitudini tipiche delle persone empatiche?

Per aiutarti ti elencherò qui sotto gli aspetti principali che ti aiuteranno a capire meglio se anche tu sei un vero e grande empatico.

    • Riesci a leggere le emozioni delle persone. Se qualcuno sorride, ma in realtà sotto sotto è triste, tu lo sai!
    • Sai stare bene da solo e anzi senti la necessità di ritagliare, ogni tanto, del tempo da dedicare solo a te stesso.
    • Le persone ti cercano sempre per confidarsi e chiederti una tua opinione. Questo perché tu li capisci e loro sanno che di te ci si può assolutamente fidare, ma che soprattutto, li capisci!
    • Sai percepire emozioni dove ti trovi, che sia un’ambiente, un gruppo di persone o anche dagli animali. Esatto, anche con gli animali gli empatici riescono a costruire un collegamento emotivo, capendoli e calmandoli quando necessario. Se hai un cane sei molto fortunato, scopri il perché leggendo il mio articolo sugli amici a 4 zampe!
    • Adori stare più in contatto con la Natura
    • Non ti senti a tuo agio nei luoghi affollati o guardando brutte notizie ai telegiornali.
    • Sei portato naturalmente a fare sempre del bene e ad aiutare gli altri, a volte rimettendoci tu in prima persona
    • Sei un animo gentile e sensibile che vuole contribuire a  migliorare questo Mondo

Come si può sviluppare?

Se sei arrivato a questo punto, Complimenti! Sei davvero motivato a sviluppare il tuo Potenziale Empatico e sei pronto a continuare la tua Crescita Personale. Questa ti porterà a realizzare i tuoi sogni, migliorare la tua vita diventando più felice.

Quindi voglio svelarti alcuni consigli e strategie che ti aiuteranno ad aumentare la tua empatia per realizzare i tuoi sogni, o per cambiare in meglio il Mondo!

Impara a controllare la tua Mente

La prima strategia che ti fornisco è quella di investire 10 minuti al giorno per imparare a controllare la tua Mente. Se la tua premura è una strategia veloce ed efficace fin da subito questa non fa per te, perché dovrai passare almeno 10 minuti al giorno per il resto della tua vita dietro questa tecnica. 

Una pratica antichissima, ma sempre potente e che sta ottenendo un sacco di attenzione anche qui in Occidente

Mi riferisco ovviamente alla Meditazione! Ti consiglio di leggere tutti gli articoli sotto l’argomento Meditazione, in quanto ti insegnerò a muovere i primi passi verso un cammino che ti accompagnerà per tutta la vita. Cosa aspetti? È gratis! Inoltre, diversi articoli parlano di alcune varianti su come puoi ottenere grandissimi risultati da questa semplice tecnica.

Tutto sperimentato su me stesso in primis!

Ma quali sono i risultati che ti vorrai aspettare da questa pratica?

Nel nostro caso basato sull’empatia, imparerai a gestire le tue emozioni.

Imparando a controllare i tuoi pensieri potrai dominare le tue emozioni, senza permettere che siano loro a dirigere la tua vita. Ad esempio, se ti trovi in una situazione di rabbia o di forte stress, imparerai ad analizzare meglio i tuoi pensieri, risalendone alla radice e imparando a sostituirli, lasciandoli andare, quindi facendo perdere la presa emotiva che hanno su di te.

È facile? No! 

È veloce? No!

Ma chi ben comincia è già a metà dell’opera, non credi? Quindi meglio iniziare tardi che mai, l’importante è farlo con costanza

Tuttavia, i primi benefici, come sensazione di pace e relax li potrai avvertire fin da subito! Ci vorrà tempo a padroneggiare al meglio la tecnica relativa ai pensieri e alle emozioni, perché scoprirai che, la maggior parte delle volte, il nostro peggiore nemico, siamo NOI STESSI!

Inoltre tu MERITI di sapere qui e ora il vero segreto riguardante la Meditazione!

Sei pronto? Perché è sconvolgente!

Non esiste una pratica meditativa errata, puoi farla come e quando vuoi! Non puoi sbagliare! Il tutto sta nella consapevolezza che svilupperai nel tempo!

Sviluppa la gratitudine

Con la Meditazione ti accorgerai di un’altra cosa importante, o meglio ci farai più caso, perché, in realtà, te ne puoi già accorgere… ORA!

Esatto, il tempo in cui viviamo non è vincolato al passato o al futuro, ma è nel presente!

Impara a goderti il presente per imparare a vivere più felice e realizzerai anche i tuoi sogni per il futuro! Guardati attorno ora, fallo e ringrazia per tutte le cose belle che hai, o che vedi.

C’è sempre qualcosa per cui sentirsi fortunati. Sempre!

Ti svelerò tanti esercizi e altre strategie se vorrai leggere l’articolo dove scoprirai in che modo la Gratitudine sia l’antidoto di tutti i mali!

Ascolta e astieniti dal giudicare

Attenzione! Per quanto possa essere fastidioso o fare male, ricorda che: “Non sei sempre al centro dell’attenzione“, quindi impara ad ascoltare gli altri.

Cosa significa ascoltare? 

Devi cercare di coinvolgerti attivamente nel discorso, cercando di capire quali sono i suoi sentimenti e il perché delle sue azioni.

Questo significa che non devi imporre il tuo punto di vista, non è detto che tu abbia ragione e l’altro abbia torto. Spesso dipende dal contesto, altre volte è solo una questione di prospettiva!

Impara dunque ad accettare anche il parere degli altri, i loro punti di vista, astenendoti dal giudizio. Criticare e giudicare, da un enorme fastidio, scommetto che anche a te darebbe fastidio se qualcuno ti giudicasse, specialmente se questa persona non sa NIENTE di te! Giusto?

Bene, allora comincia ad essere il primo a predicare bene e razzolare BENE!

Niente scuse, apri la tua mente, il tuo cuore e i tuoi sensi. In questo modo, sicuramente, svilupperai maggiore empatia!

Concludendo

Congratulazioni!

Adesso sei in possesso di tutto quello che ti serve per riconoscere una persona empatica quando la incontri e per sviluppare tu stesso quel potenziale!

Fa attenzione a quelle persone che non sembrano avere empatia, o che trovano conforto nel provocare dolore agli altri o sugli animali. Potresti aver incontrato uno squilibrato, un sociopatico o un serial killer. È fondamentale possedere una giusta dose di empatia e di coltivarla correttamente. Diversi studi di criminologia dimostrano come i serial killer abbiano la tendenza comune di aver cominciato il loro percorso verso la follia, torturando e uccidendo gli animali. Poi quando non gli bastava più passavano alle persone. Inquietante no?! Ogni vita è preziosa! Se conosci qualcuno che è entrato in questo stato, cerca di stargli il più lontano possibile o di fornirgli l’aiuto necessario facendo intervenire gli enti competenti che possono veramente aiutarlo.

Aiutami a diffondere questo potente messaggio invogliando le persone che conosci a leggere fino in fondo questo articolo. Sarà un aiuto prezioso, anche se non lo ammetteranno, tu fallo lo stesso! Stai contribuendo attivamente a rendere Migliore questo nostro bellissimo Pianeta! Quindi, GRAZIE!

Se non l’hai già fatto all’inizio, ti invito ancora una volta a lasciare un “Mi Piace” alla mia Pagina Ufficiale di Facebook e richiedere l’iscrizione al Gruppo ufficiale di Esploratori. Aiutami a crescere e aiuterai tantissime persone ad intraprendere un percorso di vita destinato a migliorarla.

Ancora una volta ti Ringrazio di Cuore e ti auguro una…

Buona Esplorazione!

Risorse utili esterne

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu