Come cambiare il mondo: l’importanza di conoscere e migliorare se stessi

Recentemente sono stato contattato da una vera Esploratrice che mi ha chiesto di poter pubblicare su Esplorativamente un suo articolo. Questo per me è un vero onore, perché ricordiamoci sempre che Esplorativamente non è una persona, ognuno di noi ha dentro di sé un piccolo Albert lo Scimpanzé che lo spinge a fare ed essere di più!

Ognuno di noi è importante e può fare la differenza in questo mondo meraviglioso!

Lascio la parola quindi a Serena Sironi (in fondo all’articolo troverete tutte le informazioni 😉 ) e alla sua guida esperta, svelandoci oggi come possiamo praticamente cambiare il mondo, spiegandoci l’importanza di conoscere e migliorare se stessi!

Ho una sola parola da dire a Serena: Grazie! 

Il più grande spreco nel mondo è la differenza tra ciò che siamo e ciò che potremmo diventare.

Ben Herbster

Come cambiare il mondo: l'importanza di conoscere e migliorare se stessi

Leggendo la presentazione di Vittorio, sono rimasta piacevolmente colpita dal suo pensiero.
Condivido molto di quello che ho letto, ma soprattutto condivido dalla sua idea che migliorare noi stessi è una responsabilità immensa di ognuno di noi.
Comprenderlo significa comprendere davvero come cambiare il mondo, perché noi stessi siamo ciò che abbiamo da offrirgli.

Molti di noi nemmeno si immaginano quanto conta la nostra presenza e quanto siamo fondamentali nel determinare l’andamento delle cose.

Certo, potresti dirmi che la tua è una vita “normale”, che non fai nulla che possa ritenersi tanto importante da cambiare il mondo.
Che non hai tutte queste grandi possibilità di fare chissà che.
Bene, ti dico fin da ora che ti sbagli.

Non esiste una vita “normale”, ognuno di noi riveste un ruolo fondamentale per il solo fatto di occupare un posto.
Non ci credi?
Aspetta. 😉

Ciò che ho toccato con mano è il fatto che ogni nostra azione ha una conseguenza e ogni nostra NON azione, pure.

Pensaci, quando decidi di fare qualcosa le cose vanno in un certo modo, proprio grazie alle azioni che provengono da quella decisione.

Se non decidi, di fatto stai solo decidendo di non decidere.
Anche quella è una decisione e anche quella determinerà che i fatti vadano in un modo piuttosto che nell’altro.
Ti pare?

Bene, già questo dovrebbe dimostrarti che hai nelle tue mani la possibilità e la responsabilità di decidere come cambiare il mondo perché possa essere migliore.

Ma che il mondo sia davvero migliore in conseguenza alle nostre azioni, dipende strettamente da quello che abbiamo da offrire.

Migliorare se stessi comincia dal Riconoscere per Riconoscerci

Solo persone migliori possono offrire azioni migliori e le azioni dipendono dalle nostre decisioni che, a loro volta, dipendono più profondamente da chi siamo.

Ecco perché migliorare il mondo comincia dal migliorare noi stessi.
E migliorare il mondo è ciò che ci fa sentire vivi, attraverso il senso che sentiamo di avere offrendo il nostro miglior contributo.

Migliorarci comincia dal ri-conoscere noi stessi, andando alla ricerca di chi siamo e chi siamo sempre stati.

Esplorativamente

Esplorare noi stessi per ritrovarci, significa togliere tutto quello che non c’entra andando alla ricerca e scoperta dei nostri limiti e delle nostre qualità.

Prenderne consapevolezza ci permette innanzitutto di osservare le nostre qualità per metterle a disposizione del mondo.
Ma ci permette anche di comprendere i nostri limiti, non certo per capire dove dobbiamo fermarci, ma per superarli e trasformarli in altrettante qualità da condividere per cambiare il mondo in meglio.

Da anni gestisco rifugio in montagna e da poco ho avviato un progetto di crescita personale proprio presso il rifugio.
Attraverso questo progetto voglio offrire alle persone l’opportunità di rinascere percorrendo il sentiero che ho tracciato passandoci per prima.

Ma cosa c’entra la montagna con tutto questo?

La montagna mi ha offerto un aiuto enorme nel mio percorso di crescita, accogliendomi in un ambiente tanto ostile quando generoso se impari ad amarlo.
Amarlo significa proprio comprenderlo mentre comprendi te stesso, o te stessa, i tuoi limiti e le tue qualità.

In questo ambiente ho imparato a riconoscere riconoscendo me stessa, ho compreso come migliorarmi e soprattutto perché farlo.

Un delicato equilibrio in cui mi sono accorta di come la mia presenza sia sempre capace di lasciare un segno testimone del mio passaggio, ma ancora di più mi ha mostrato per quale motivo tutti, nessuno escluso, siamo fondamentali.

Come cambiare il mondo rendendo prezioso ogni dono

Ho sempre amato isolarmi a contemplare la natura, a riflettere nella solitudine e nel silenzio che solo questo ambiente può offrire.
Per scoprire me stessa, riflettere e prendere consapevolezza dei miei pensieri e delle mie emozioni più profonde. Per imparare a “sentirle” e “sentirmi”.

La natura ci permette di esplorare noi stessi nel nostro più vero e profondo significato, di ritrovarci ricontattando le nostre origini da cui i condizionamenti e le dinamiche della vita umana ci hanno allontanato.
Di scoprire che tutto è un dono, che tutto è lì per noi e che senza di noi nulla avrebbe il valore che possiede.

Proprio così, hai capito bene: senza di te nulla avrebbe il valore che possiede.

Sai come l’ho capito?

Un giorno mi ero ritirata nella natura a fare il mio esercizio di isolamento, ero tranquilla e stavo godendo di ogni meraviglia, sentendola, lasciandola entrare.
Ad un tratto qualcosa ha cambiato la mia prospettiva in modo determinante.

Quando una folata di vento ti cambia la vita

Una folata di vento freddo e insistente, mi ha tolto da quella situazione di tranquillità “passiva”.
La prima emozione che ho provato è stata di fastidio, ma quella folata è stata la mia fortuna e subito ho realizzato qualcosa di importante.

Quel vento era lì per me.

Solo io potevo sentirlo in quel modo, con quella forza, con quella temperatura e in quella posizione. Solo io potevo sentirlo da quella direzione e in quel momento.

Era per me e se io non fossi esistita non lo avrei sentito.

Quando ne ho preso consapevolezza ho cominciato a dargli valore e nello stesso momento che davo valore a quella “insignificante” folata di vento, capivo come cambiare il mondo.

Sono io che do valore alle cose e senza di me nulla avrebbe il valore che gli do.
Ogni cosa che ha un valore ha senso di esistere, così se io do valore ho senso perché permetto alle cose di avere un senso.

Nulla avrebbe senso senza di me!
Nulla avrebbe senso senza di te. 🙂

Così non solo posso cambiare il mondo, ma posso, ho la responsabilità di dare un senso all’esistenza di tutto.
Ti rendi conto di quanto io sia, TU SIA, fondamentale?

Ho ideato questo esercizio quasi per caso, ma nel tempo ne ho compreso l’importanza, l’ho elaborato con la mia esperienza, ritoccato e rifinito.

L’ho testato con le persone che hanno partecipato al mio progetto di crescita personale e ognuno ha scoperto qualcosa di se, osservato e “sentito”. Ognuno a suo modo.

Quello che tutti possono percepire però, è la sensazione di non essere mai soli, ma di essere immersi in un tutto di cui facciamo parte con un ruolo ben preciso.

Ecco perché ora intendo offrirlo anche a te perché anche tu possa capire come cambiare il mondo.

Capire come cambiare il mondo con un semplice esercizio

Per fare questo esercizio devi isolarti in un posto dove nulla potrebbe distrarti o disturbarti.
Meglio se ti siedi in una posizione comoda e chiudi gli occhi.

La prima cosa che devi fare è quella di concentrare la tua attenzione sulle sensazioni che puoi avvertire e sui suoni che puoi percepire cercando di distinguerli, comprenderli e dargli una posizione riconoscendoli uno alla volta.

Ti accorgerai di quanti pensieri arriveranno a distrarti dal tuo ascolto.
A quel punto sarà importantissimo toglierli e, come mi piace dire, “tornare qui“.

Tornare a vivere il presente evitando che la tua mente vaghi altrove o non potrai davvero “sentire“.

Quando uso il termine “sentire”, intendo dire che ciò che percepisci passa dentro di te e lo comprendi al punto da farlo tuo, di diventarne consapevole.

Non devi cercare nulla, questo è fondamentale, ma solo lasciare entrare ciò che senti in modo “attivo”.
Cosa significa questo?

Devi renderti conto della posizione rispetto a te di ogni cosa che percepisci, della sua distanza da te e delle sensazioni che hai tu.

In questo modo capirai che solo tu occupi quel posto in relazione a tutto il resto, che solo tu puoi riconoscere ciò in cui sei immerso, o immersa e che solo riconoscendolo puoi dargli un senso.
Allora capirai quanto tu sei fondamentale.

Prova a fare questo esercizio puntando una sveglia in modo da non distrarti pensando agli impegni successivi.
Se non hai l’abitudine di mantenere la concentrazione a lungo, puoi partire da 5 minuti e aumentare gradualmente fino a 20.

Non ti svelo altro e lascio a te la scoperta di ciò che solo tu potrai sentire.

Datti tempo però.
Conoscere se stessi richiede un lavoro lungo che giungerà a maturazione man mano che imparai a riconoscere per riconoscerti.

Naturalmente l’ideale è fare questo esercizio nella natura, ma potrai svolgerlo in ogni luogo che non sia disturbato.

Quello che conta è l’atteggiamento che usi!

Ama, tu sei fondamentale per cambiare il mondo

Esplorare te stesso fino a riconoscerti e riconoscere il peso di ogni azione o non azione, permette di accorgerti dell’immensa responsabilità che hai.
Quella di essere il miglior te stesso, o la migliore te stessa da offrire.

E se solo sei fondamentale per il fatto di dare valore alle cose, immagina quanto tu lo sia per il loro evolversi in conseguenza alle azioni che nascono da ciò che sei.

Cambiare il mondo comincia dall’esprimere il tuo miglior contributo, quello unico e originale che ti appartiene in modo autentico.

Quel contributo che da un senso alla tua vita e che comincia dalla riconoscenza e dalla gratitudine per culminare nel dono.

Amore, in una parola.

Chi è Serena Sironi?

foto profilo serena sironi

Mi chiamo Serena Sironi e sono nata nel 1978 a Lecco, dove tutt’ora risiedo.
Architetto di formazione, sono sempre stata vicina alla natura forse anche grazie alla zona in cui vivo, fuori dalla città ed immersa nei boschi pedemontani.

Così non ho potuto evitare di cogliere l’opportunità di prendere in gestione un rifugio alpino appena si è presentata l’occasione. Attività che, abbandonata quella di architetto, svolgo tutt’ora.

Il mio rapporto con la natura è stato determinante nell’imparare a vivere in empatia con la stessa. E’ stato convivendoci e imparando a rispettandola che mi ha aiutata a comprendere cosa significa amare.

Non è stato tutto semplice però e un passato difficile mi ha trascinato in un loop di emozioni negative da cui non riuscivo ad uscire e che ho potuto superare solo attraverso un lungo percorso che ho intrapreso avvicinandomi alla crescita personale.

Diventare più forte di ogni problema e guadagnare una grande indipendenza emotiva mi ha permesso di cogliere l’opportunità delle opportunità. Quella di mettere me stessa a disposizione delle persone per aiutarle a diventare a loro volta più forti di ogni problema.

Proprio per questo ho aperto il mio sito seresiros.it appositamente per dare spazio alla realizzazione di un sogno.

Ora il mio obiettivo è quello di dare una marcia in più al contributo che posso offrire per aiutare le persone mettendo a disposizione la mia esperienza l’attività del rifugio Griera, il rifugio che ora gestisco e che tanto mi ha aiutato nel mio percorso di rinascita.

E tu come cambierai il mondo?

È davvero un piacere e un privilegio poter entrare in contatto con persone come Serena, perché ti ispirano e ti motivano davvero a fare del tuo meglio, in quanto loro per primi ne danno l’esempio!

Ogni azione (o NON azione) ha delle conseguenze! 

Crescere significa accettarne la responsabilità, in quanto possiamo scegliere di agire e migliorare i nostri pensieri e, di conseguenza, le nostre azioni! 

Provate a sfidarvi! Per una settimana provate a non criticare gli altri e provate a non lamentarvi per quello che succede nella vostra vita! Anzi, ringraziate per tutto quello che accade, chiedendovi quale importante lezione potreste imparare per crescere e migliorarvi! 😉

Godetevi questa avventura, esploratori!

Questo articolo ha 5 commenti.

  1. Francesco Chioda

    grazie Serena sei riuscita a descrivere una percezione così astratta/sfuggente, ma allo stesso tempo così concreta come il “sentire se stessi”. Penso che sia il primo passo per comprendere quanto potenti possano essere le nostre azioni nei confronti degli altri, nei confronti di noi stessi. Senza questa consapevolezza profonda si rischia di restare nel campo della teoria, senza comprendere quanto il nostro atteggiamento possa cambiare la realtà che ci circonda.
    Sentire se stessi per cambiare il mondo…..fantastico!

    1. Serena

      Credo che la consapevolezza sia un’arma formidabile che ci dona responsabilità a 360 gradi e che ci mette in condizioni di usare tutto quel potenziale che abbiamo e che nemmeno lontanamente ci rendiamo conto di possedere.
      La consapevolezza vera è davvero profonda, ma assolutamente raggiungibile per tutti 🙂

  2. Antonella

    Ma quando il mondo ti risponde con INDIFFERENZA sia nel fare che nel non fare, dire non dire , tu esisti ?
    E se non. Esisti , perché sparisce la tua esistenza per il mondo , come pensi di poterlo cambiare ?

    Tra amore e odio , cosa preferiresti ricevere indipendentemente da ciò che fai o non fai ?
    E tra odio e INDIFFERENZA, cosa preferiresti ricevere , indipendentemente da ciò che fai o non fai ?

  3. Serena

    Non si tratta di preferenze, si tratta di rendersi conto che tu hai un ruolo sempre e comunque.
    Le persone ti sono indifferenti? Forse, ma questo ha in qualche modo il potere di inibire l’effetto delle tue azioni?
    Io credo di no 😉

    1. Paola

      Bellissima Serena!!!!!
      Grazie😘la vorrò rileggere più volte per viverla ancora

Lascia un commento

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu