IL COVID TRA ANSIA E PSICOSI: MARCO VALERIO RICCI E LA PNL IPNOTICA

Marco Valerio Ricci, tra i massimi esperti al mondo di PNL ipnotica, analizza gli effetti della pandemia sulla nostra mente e consiglia come affrontare i mesi di ripresa delle nostre vite

Ansia, panico, psicosi. A causa della pandemia da Covid-19, abbiamo vissuto momenti delicati e di forte tensione sociale in Italia, con la situazione che è stata ulteriormente peggiorata da informazioni confuse e spesso allarmanti.

Comunicazioni poco chiare e notizie contrastanti, non facilmente comprensibili dal senso comune.

Per motivi sanitari nell’ultimo anno e mezzo sono stati presi dei provvedimenti, ma la modalità con cui sono stati comunicati è stata sicuramente inefficace.

Questo ha portato le persone a recepire i messaggi in maniera emotivamente intensa, creando quindi una situazione di paralisi e panico sproporzionata.

Strascichi che le persone si porteranno dietro anche nei prossimi mesi o anni, con la mente che farà molta fatica a recuperare la quotidianità.

Non a caso, secondo una recente ricerca, nell’ultimo anno il 44% degli italiani ha registrato un peggioramento del benessere mentale, e 4 su 10 temono di non riuscire a tornare ad una vita ‘normale’.

Un allarme sociale, che va affrontato nel modo giusto.

Soprattutto per alcune fasce di popolazione, infatti, la problematica non è dovuta solo alla pericolosità del virus, ma a livello più generale anche all’aspetto mentale: in particolare quelle persone che hanno un bisogno di tranquillità alto, si sentono e si sono sentite potenzialmente a rischio perché raggiunte da informazioni comunicate nel modo sbagliato.

E rischia di continuare ad essere così.

marco valerio ricci pnl ipnotica

Quando vengono effettuate comunicazioni così delicate, si dovrebbe infatti tenere in considerazione la ricerca scientifica sulle motivazioni umane, perché altrimenti si crea una spirale negativa che rischia di bloccare mentalmente, oltre che moralmente, il paese.

Attenzione quindi a cosa comunichiamo, e come comunichiamo.

Ogni comunicazione ha un effetto, una conseguenza in base alle spinte motivazionali delle persone.

E le spinte motivazionali sono proprio il punto di partenza della PNL Ipnotica, il modello che, muovendo dagli insegnamenti della Programmazione Neuro Linguistica classica, ne amplia i parametri di intervento attraverso i principi della Motivazione Scientifica e dell’ipnosi conversazionale e studia come governare il nostro cervello in maniera ottimale allo scopo di produrre i risultati che si desiderano: ci insegna non solo a dirigere i nostri stati d’animo e i nostri comportamenti, ma anche gli stati d’animo e i comportamenti degli altri.

Secondo gli studi del professor Steven Reiss l’uomo è spinto da 16 bisogni motivazionali intrinseci e in questo momento si fa molto leva sul bisogno definito come tranquillità emotiva. Ogni essere umano ha questo bisogno, ma ognuno ne cerca la soddisfazione con un diverso livello di intensità. Questa è la causa di molte delle incomprensioni alle quali abbiamo assistito nei dibattiti dell’ultimo anno e mezzo. Se da un lato è umano ricercare la protezione evitando problemi e rischi, allo stesso tempo facciamo attenzione perché può renderci facilmente manipolabili attraverso lo strumento della paura e soprattutto delle modalità di comunicazione che la stimolano. E’ umano aver paura, ma quando la paura viene utilizzata per spaventare le persone, si attivano dei processi e si innescano reazioni che possono andare molto aldilà delle intenzioni originali di comunicare un’informazione.

marco valerio ricci pnl ipnotica italia

La PNL fornisce la chiave per svelare l’enigma di come certi individui sono in grado di produrre costantemente risultati ottimali. Risultati ottimali che, in un periodo così delicato e complesso come il ritorno alla normalità, saranno più che mai necessari. Grazie alla visione ampliata fornita dalla Programmazione Neuro Linguistica Ipnotica, possiamo portare tale chiave in contesti ancora più socialmente accettabili e a livelli di impatto sociale ancora più profondi. La nuova era dovrà necessariamente considerare il “DNA Emotivo” di ciascun individuo e parlare nel profondo a ognuno in maniera da riportare equilibrio nelle percezioni e armonia nelle relazioni con se stessi e con gli altri.

Link Esterni Marco Valerio Ricci

Link Interni

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Lascia un commento

Articoli correlati

Articoli popolari