IKIGAI: cos’è e come trovarlo OGGI

Ikigai è un termine giapponese che lo potremmo tradurre come: “ragione per alzarsi la mattina”.

Quando abbiamo una meta la nostra vita acquista una direzione precisa e questo significa uscire dalla superficialità, dalla frustrazione e dall’insoddisfazione, per trovare qualcosa di più appagante e per realizzare il nostro talento, trovando il nostro dono e facendo la differenza nel mondo.

Ecco perché sono diversi gli articoli in cui ti consiglio come trovare lo scopo della tua vita:

Anche in maniera più indiretta iniziando a definire la propria bussola interiore trovando i propri valori fondamentali.

In questo articolo desidero mostrarti la prospettiva, il pensiero e il significato che viene dato dalla cultura giapponese.

Secondo loro infatti, solo se lo realizziamo possiamo spalancare le porte alla vera felicità.

Iniziamo allora questa stupenda esplorazione.

Tabella dei Contenuti

Ikigai cosa significa

Ikigai cosa significa

Il termine Ikigai è composto da 2 parole: “iki” significa “vita” e “gai”, vuol dire “valore”, generalmente viene tradotto come ciò che dà valore alla vita, la ragione per cui vivere, il senso dell’esistenza. 

Non esiste un vero e proprio corrispettivo nella nostra lingua, mentre invece nella cultura giapponese è un concetto profondamente radicato.

In effetti, potremmo dire che è uno dei concetti centrali della filosofia orientale dove c’è una ricerca costante del senso profondo e intrinseco dell’esistenza umana, attraverso lo sviluppo delle passioni e dei propri talenti individuali.

L’origine della parola Ikigai sembra risalire al Giappone del periodo Heian, compreso tra l’VIII e il XII secolo. Il nome di questa fase storica rimanda alla capitale del tempo, Heian-kyo, cioè l’attuale Kyoto.

Per quanto molti si possano sentire vuoti o smarriti, nella tradizione giapponese è una convinzione diffusa che ognuno di noi abbia un suo Ikigai

Anzi, l’ikigai potrebbe essere proprio la ragione di vita di ciascuno di noi, in quanto ognuno è in questo mondo per riconoscerlo e realizzarlo, potendo così esprimere le proprie capacità creative, le proprie vocazioni, portando una persona ad alzarsi con entusiasmo e vitalità al mattino, sentendosi in linea con ciò per cui è nato.

Ogni individuo è unico e irripetibile, così come il suo Ikigai.

Allora, perché non tutti riescono a trovarlo?

Gli ostacoli per trovare il tuo Ikigai

Gli ostacoli per trovare il tuo Ikigai

Spesso ci blocchiamo, ci limitiamo, in quanto si prova paura del giudizio degli altri.

Noi per primi possiamo essere i nostri giudici più severi, ripetendoci mentalmente che “siamo ridicoli a sperare o sognare questo o quello”. 

Prima cosa da fare: leggi l’articolo come sviluppare il tuo dialogo interiore positivo.

Ci sono un sacco di convinzioni limitanti legate alla nostra cultura, all’ambiente, al fatto di poter ferire o deludere le persone che amiamo che, ogni giorno, ci impediscono di realizzarci.

Tendiamo a prendere un modello di successo e cercare di emularlo, definendo un’idea successo che è valida per quella persona, ma che potrebbe non esserlo per noi.

Così facendo ti allontani dal tuo vero Io, dai tuoi valori fondamentali e cominci a generare ansia, stress, senso di colpa, alimenti diverse paure fino a riconoscere sintomi sul tuo corpo, come può essere l’insonnia.

Accogli il “disagio” nella tua vita, questo sarà ciò che ti permetterà di prendere decisioni coraggiose e abbracciare il cambiamento nella tua vita!

Hai presente la storia del coraggio dell’aragosta?

Ikigai e il segreto di lunga vita

Ikigai e il segreto di lunga vita

Esatto, perché trovare e perseguire il proprio Ikigai non significa “solo” sentirsi realizzati e felici.

C’è molto di più.

Perché quando sei in uno stato mentale di realizzazione, sei felice e ti senti appagato, permettendo all’entusiasmo di guidare la tua vita, riesci anche a godere maggiormente di buona salute.

Sembra infatti, che il Giappone sia una delle popolazioni più longeve al mondo.

È importante avere un’alimentazione sana, tenersi in forma con del regolare esercizio fisico e cercare il proprio Ikigai per migliorare la propria qualità di vita.

Dopotutto, se la tua vita è felice e piena di significato, hai già una motivazione intrinseca per fare del tuo meglio per prenderti cura di te stesso! 

Attingendo dall’antica saggezza giapponese, possiamo convincerci che esista una ragione più profonda che trascende la nostra quotidianità, dove ogni vita ha un proprio senso e una propria missione.

Di questo te ne parlo meglio anche negli articoli che ti ho consigliato all’inizio dell’articolo.

Insomma, tutto quello che ci accade ha una sua ragione, spingendoci e orientandoci per trovare il nostro Senso di Vita.

Il caso non esiste.

Ikigai e Autostima

Ikigai e Autostima

Quando perdiamo il contatto con il nostro vero Io, cominciamo a provare un profondo senso di incompletezza, di vuoto interiore, sentendoci frustrati e spesso portando a sviluppare vere patologie come la depressione.

In ultima analisi noi contiamo qualcosa solo in virtù dell’essenza che incarniamo, e se non la realizziamo, la vita è sprecata” ha scritto lo psicanalista Carl Gustav Jung per spiegare che a ognuno di noi spetta il compito di essere fedele alla propria natura.

Ogni volta che reprimiamo la nostra natura, il nostro carattere, la nostra creatività, soprattutto se per adattarci alle aspettative degli altri, ci stiamo di fatto allontanando da noi stessi.

La felicità richiede il coraggio di consacrarsi al proprio senso profondo, al di là del parere e dei giudizi degli altri.

E per farlo, abbiamo bisogno di riscoprire il coraggio di essere imperfetti e vulnerabili e di riscoprire il nostro vero valore, aumentando e rafforzando la nostra autostima.

La felicità si trova dentro di noi

La felicità si trova dentro di noi

Erroneamente si pensa che vivere una vita felice e appagante equivalga a dire che bisogna vivere una vita senza problemi, senza difficoltà, dove si ha sempre tutto ciò che si desidera.

SEMPRE e in maniera incondizionata.

Sembra assurdo, ma spesso è proprio così. Se chiedi a qualcuno cosa vorrebbe fare nella sua vita, probabilmente lo sentirai dire che la sua massima aspirazione è non fare niente dalla mattina alla sera.

Ecco, queste persone anche con tutti i soldi del mondo saranno sempre infelici.

La vera gioia di vivere deriva da dentro di noi, dalle nostre capacità creative, dalle sfide che ci poniamo, dai progressi e dagli obiettivi che raggiungiamo.

Ci saranno alti, ma ci saranno anche tantissimi bassi e va bene così. Sono entrambi fondamentali, ma la felicità non deve dipendere da quello che si trova fuori di noi. 

Si può essere felici nonostante tutto

Perché questa è una scelta e ognuno di noi ha il potere di scegliere in quale stato mentale ed emotivo desidera trascorrere ogni istante della propria vita.

Ikigai: luci e ombre

Ikigai: luci e ombre

Se da una parte abbiamo visto come il trovare il nostro Ikigai ci permetta di trovare un senso di realizzazione superiore, dall’altro chi vive la sua vita con estrema passione rischia di venirne consumato

Come sempre, la saggezza risiede nel mezzo, nell’equilibrio, trovando i giusti compromessi.

Ikigai: I 5 Pilastri

Ikigai: I 5 Pilastri

Vediamo ora brevemente quali sono i 5 pilastri dell’Ikigai.

1. Iniziare in piccolo

Come abbiamo visto nell’articolo sulla creazione di obiettivi intelligenti, dobbiamo imparare a definire qual è la meta, ad esempio: scalare una montagna.

E poi, procedere per gradi scomponendo sempre più gli obiettivi, fino a trasformarli in piccole azioni quotidiane che insieme ti porteranno, un passo dopo l’altro, alla destinazione che desideri.

Ricorda: è sempre meglio di iniziare in piccolo piuttosto che mettersi di fronte a sfide titaniche e lasciarsi prendere dallo sconforto.

Questo è anche il segreto che ci rivela il libro Atomic Habits per creare buone abitudini.

2. Dimenticarsi di sé

Una volta che hai definito la tua destinazione, prova a dimenticarti dei risultati che desideri ottenere e goditi il viaggio.

Sperimenta sulla tua pelle cosa significa lasciarsi trasportare e lasciare che le cose accadano attorno a te, mentre continui ad avanzare.

3. Armonia e sostenibilità

Nel tuo percorso dovrai sempre ricordare che, ogni tua decisione e ogni tua azione, avranno sempre delle conseguenze.

Non solo su di te, ma anche sulle persone che ti sono vicine. 

L’invito quindi, è di tenere conto della propria responsabilità personale non solo che abbiamo sulla nostra vita, ma anche di come influenziamo ciò che ci circonda.

Adotta un atteggiamento positivo alla vita e ricerca la tua armonia e sostenibilità nel fare quello che ami in maniera positiva dove tutti possono trarne beneficio.

4. Gioia per le piccole cose

Tantissime volte ho cercato di sottolineare il potere curativo e rigenerante della Gratitudine.

È davvero un ottimo esercizio perché ti permette di espandere la tua consapevolezza riguardo a te stesso e a quello che ti circonda e che influenza ha su di te. 

Quando ti svegli al mattino, quante volte ringrazi davvero per quel goccio di caffè o per la colazione che fai? Se è un bella giornata riesci ad accorgertene e ad esprimere gratitudine?

Diventa un ricercatore di motivi per cui essere grato. La vita ti ricompenserà donandotene sempre di più! 😉

5. Essere nel qui ed ora

Esercitando il potere della gratitudine ogni giorno, ti starai allenando ad essere maggiormente consapevole e mentalmente presente nel qui e ora

È nel presente che stai vivendo, ogni momento della tua vita è unico, sta a te scegliere come sfruttare questo tempo. Einstein diceva che passare 1 minuto da arrabbiati equivaleva a perdere 60 secondi di felicità.

Per quanto possa sembrare triste, ricorda che la nostra vita ha sempre una scadenza e ogni istante ci porta più vicini ad essi.

30 anni equivalgono a 438.000 ore, questo significa che ogni anno abbiamo 8.760 ore.

Come le stai investendo?

I 4 punti del metodo Ikigai

I 4 punti del metodo Ikigai

Finora abbiamo analizzato l’aspetto più filosofico e riflessivo del concetto di Ikigai, ma in realtà questo è molto di più.

È stato trasformato infatti, in un metodo pratico per capire quale sia il proprio scopo di vita.

L’Ikigai ti si rivelerà come l’intersezione perfetta di 4 semplici elementi:

  • Ciò che ami fare;
  • Quello in cui sei bravo;
  • Quella cosa che potrebbe apportare un cambiamento positivo nel mondo;
  • Ciò con cui puoi guadagnarti da vivere.

Saranno questi i tuoi punti cardinali, i parametri che ti permetteranno di guidarti alla ricerca del tuo scopo di vita.

Come trovare il tuo Ikigai: 4 domande

Per trovare i 4 elementi fondamentali che determineranno il tuo Ikigai, prova a rispondere a queste domande:

  1. Cos’è che ami più di ogni altra cosa?
  2. In cosa sei bravo e puoi riuscire facilmente a migliorare?
  3. Per quali di queste cose sei sufficientemente bravo da farti pagare, a prescindere da cosa potrebbero pensare gli altri?
  4. In che modo puoi aiutare gli altri, quale bisogno potresti soddisfare, dando così il tuo personale contributo a migliorare questo bellissimo mondo?

Ikigai come trovarlo: suggerimento pratico

Ikigai come trovarlo: suggerimento pratico

Se hai risposto alle domande con il cuore aperto, libero dai tuoi stessi pregiudizi e convinzioni limitanti, allora potresti già aver trovato la risposta e quindi, il tuo Ikigai.

O magari, ti è venuta un’idea, hai presente quale sia la direzione da seguire, ma devi ancora definire con precisione quale sia il tuo Ikigai.

Se invece non l’hai ancora compreso, tranquillo.

Permetti alla vita di fare il suo corso e agli eventi di accadere.

Probabilmente non è ancora giunto quel momento.

Quello che è certo, è che ponendoti queste domande, hai messo in moto il tuo cervello e in particolare, la tua mente subconscia, che continuerà ad agire e a cercare la risposta migliore per te.

In questo modo, una bella mattina mentre farai la doccia, o mentre farai colazione, o in generale quando ti sentirai rilassato, potresti cogliere un’illuminazione improvvisa e avere ben chiaro in mente quale sia il tuo Ikigai.

L’hai già trovato? Scrivimelo nei commenti!

In ogni caso desidero darti un ultimo suggerimento pratico che ti potrebbe aiutare.

Per trovare la risposta a quello che stiamo cercando, spesso può tornare utile tornare, con la mente, indietro nel tempo, a quando eravamo bambini.

Osserva quali erano i tuoi giochi preferiti, cosa amavi fare, cosa ti riusciva facile fare e che lo facevi anche bene.

Scopri quali sono le tue capacità innate di quando eri una creatura completamente spontanea e naturale, senza quindi assorbire tutte le convinzioni e i costrutti mentali degli adulti.

Cos’hai trascurato tra le tue passioni e interessati di quando eri un bambino?

Allena la tua creatività: prova a darti al disegno, alla scrittura, al modellare la creta, a inventare nuove ricette, a costruire qualcosa coi Lego, danza o canta. Insomma, esprimi te stesso in ogni tua forma, solo così potrai capire davvero cosa ti piace e cosa non ti piace fare!

Anche se abbiamo delle indicazioni, alla fine, si procede per tentativi, sbagliando e imparando sempre qualcosa di nuovo e di più utile per correggere la rotta!

Quindi, non mollare mai e trova il tuo Ikigai!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Lascia un commento

Articoli correlati

Articoli popolari