L’autostima: cos’è e come aumentarla

L’autostima per la crescita personale: cos’è l’autostima? I migliori consigli per migliorare l’autostima e imparare a prendere le decisioni giuste!

Prima di leggere gli innumerevoli consigli sparsi per internet su questo argomento è essenziale capire bene cos’è l’autostima; solo così è davvero possibile migliorarla.
Ognuno di noi si guarda allo specchio e vede un riflesso, un’immagine di sé che coltiva ogni giorno e che lo guida; essa costituisce un bene primario per la sopravvivenza, poiché per quell’immagine passa la piena e sana realizzazione di se stessi.

Ma come si raggiunge questa realizzazione? Qui entra in gioco l’autostima!

Tabella dei Contenuti

Che cos'è l'autostima: l'autostima in psicologia

Che cos'è l'autostima: l'autostima in psicologia

Per chi ancora si chiede “l’autostima cos’è?”: l’autostima è l’insieme dei giudizi valutativi che l’individuo dà di se stesso. Il senso di autostima deriva dal nostro bagaglio di esperienze. conoscenze, dalle situazioni vissute dal soggetto, dagli elementi affettivi e sociali che condizionano l’appartenenza ad un gruppo con relativa approvazione dai suoi membri. La caratteristica fondamentale dell’autostima è quella di essere una percezione prettamente soggettiva; ha a che fare con la propria percezione dell’ambiente esterno e con l’attitudine ad ottenere quello che si desidera.

Oltre ad essere legata alla percezione di sé, l’autostima è anche strettamente ad altri due concetti:

  • il rispetto di sé, ovvero la cura del proprio benessere psico-fisico tramite il quale si riconosce il diritto alla realizzazione dei propri desideri.
  • l’autoefficacia, cioè la fiducia nelle proprie capacità di raggiungere il successo in termini di conseguimento dell’obiettivo e di significato attribuito al risultato atteso, il quale può essere imputato alle proprie caratteristiche personali o a circostanze esterne.

Mentre i consigli per un maggior rispetto di se stessi e del proprio corpo quali fare attività sportiva e curare la propria immagine sono facilmente reperibili ovunque, quelli sull’autoefficacia derivano dagli studi psicologici e sono quindi meno conosciuti. In questo articolo ci soffermeremo quindi su quest’ultimi che sono i più importanti per migliorare la propria autostima.

Autoefficacia e autostima psicologia della crescita personale

Autoefficacia e autostima psicologia della crescita personale

Sono infatti l’autostima e l’autoefficacia a guidare la nostra motivazione definendo i comportamenti che mettiamo in atto di fronte ad un desiderio. Per avere un’autostima sana, la quale nasce proprio dal bisogno di verificare se stiamo agendo in linea con i nostri desideri, è quindi essenziale tenere conto del concetto di autoefficacia come convinzione di essere o meno capaci di mettere in atto uno specifico comportamento. Per questo motivo l’autoefficacia influenza particolarmente la nostra felicità costituendo il motore delle nostre azioni e la motivazione ispiratrice dei nostri comportamenti. Un ruolo fondamentale è giocato però anche dall’ambiente esterno che rimane fuori dal nostro controllo. Per questo motivo, per raggiungere i propri obiettivi è necessario che il contesto di vita sia di supporto al soddisfacimento dei bisogni. Al contrario, un ambiente ostile ostacola fortemente la gratificazione.

In che modo l’opinione di sé determina il successo o il fallimento degli obiettivi

Un miglior giudizio in se stessi non significa per forza avere migliori qualità o abilità degli altri, significa piuttosto assumere un miglior atteggiamento rispetto a successi e fallimenti, alla gestione delle situazioni e delle risposte emotive che queste portano. I soggetti con alta autostima sono disposti a tentare nuovamente in caso di fallimento senza perdersi d’animo, mentre quelle con bassa autostima tendono a sentirsi inadatte e incapaci, indebolendo di conseguenza le proprie risorse e le probabilità di successo. 

Il risultato?

I soggetti dotati di autostima avranno maggiori successi e maggiori probabilità di ottenere risultati sempre migliori; al contrario, i soggetti che ne sono carenti saranno più propensi alla rinuncia fino ad evitare di prefiggersi altri obiettivi, questo li fa entrare in una catena di reazioni che li porta a maggior ansia e meno impegno e, infine, ad una minor efficienza. Ecco perché è importante dare il giusto peso a ciò che è in nostro potere e valutare correttamente le nostre capacità, ci aiuterà ad evitare di rassegnarci davanti alle sfide più dure.

Cosa fare per migliorare l’autostima

Cosa fare per migliorare l’autostima

Ora che abbiamo definito l’autostima in termini di autoefficacia, potete capire come si può alimentare riconoscendo se è sana o distorta per poi trovare occasioni di successo e soddisfazione e trarne beneficio compiendo scelte in direzione dei propri valori.
Le chiavi per aumentare la stima delle vostre abilità, capacità, cognizioni corporee, emotive e mentali, sono:

  • Capire COSA SI VUOL FARE e non COSA SI DEVE FARE fissando gli obiettivi di conseguenza.
    Imparare a fissare i propri obiettivi è essenziale; è necessario strutturare un’autostima sana definendo obiettivi che siano nostri e che dipendano da noi stessi valutando nel modo corretto il ruolo dell’ambiente esterno. Per farlo, i migliori consigli sono:
    • fissare obiettivi positivi espressi in maniera affermativa immaginando soluzioni non ostacoli.
      X Non voglio comportarmi in modo troppo riservato
      V Voglio comportarmi in maniera aperta e propositiva
    • fissare obiettivi concreti che aiutino a misurare il nostro successo e ad alzare l’asticella
      X Voglio dimagrire
      V Voglio iniziare perdendo 4 kg
    • accettare il rischio considerando che gli esiti possono essere diversi da quelli attesi: l’uomo non ha mente algoritmica
    • fare un piano dettagliato dei propri obiettivi per definire le risorse da mettere in gioco per raggiungerli; inoltre è molto utile snocciolare gli obiettivi più grandi in obiettivi minori per averne un maggior controllo.
       
  • Diventare assertivi; “assertività” deriva dal latino ad serere, «asserire», affermare se stessi; è la capacità di esprimere i propri sentimenti e idee rispettando quelle altrui, di scegliere come comportarsi in una determinata situazione, di difendere i propri diritti, di esprimere serenamente un’opinione di disaccordo. Questo ci permetterà di avere chiari i nostri obiettivi e le risorse necessarie per raggiungerli dipendendo meno dai fattori esterni e dalle idee altrui e rispettando le proprie priorità e le proprie scelte.

  • Gestire in modo adeguato successi e fallimenti. Il metodo che i nostri genitori hanno usato per farci sentire bravi o meno influisce sull’autocritica con cui valutiamo successi e fallimenti; è necessario ricalibrare questi parametri per renderli adeguati al momento e alla situazione che stiamo vivendo per permetterci di definire in modo adeguato gli obiettivi. Il modo migliore per farlo è:
    • Dare il giusto peso ai successi riconoscendosi la capacità di aver ottenuto un traguardo: è importante valutare le risorse che sono state necessarie per questo obiettivo e l’influenza positiva che ha su di noi facendo tesoro del proprio successo.
    • Dare il giusto peso anche agli insuccessi senza darsi tutta la colpa o essere troppo rigidi con se stessi: come detto non dipende tutto dalle nostre abilità, spesso entrano in gioco cause esterne che non possiamo controllare. Anche se l’insuccesso fosse per causa nostra bisogna considerare che esso fa parte della vita e, spesso, del percorso verso ad un successo.
       

Per raggiungere questi obiettivi bisogna quindi essere disposti a conoscere meglio se stessi, mettersi in gioco e rischiare affrontando eventuali fallimenti e frustrazioni, superare le proprie paure e capire che il successo è sempre dietro al prossimo ostacolo; è necessario diventare più assertivi e imparare a prendersi cura di se stessi ascoltandosi e con la voglia di porsi sempre nuovi obiettivi!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Lascia un commento

Articoli correlati

Articoli popolari