La legge del contrario

Il libro che vorrei consigliarti  è proprio questo: “La legge del contrario: stare bene con se stessi senza preoccuparsi della felicità”.

Personalmente, mi ha completamente rivoluzionato la prospettiva di come guardo e di come mi apporto alle cose. Una lettura decisamente innovativa e interessante in quanto viene dato potere a tutte quelle persone che pensano sempre in “negativo”. Infatti, questo libro spiega molto bene come il pensiero positivo sia diventato sempre di più una moda e una “costrizione” per noi che, inconsciamente, ci rammenta continuamente di cosa abbiamo bisogno nella nostra vita per essere felici, ma più ci pensiamo più ci accorgiamo che ci manca. Questo, su un lungo periodo, ci rende decisamente infelici!

La corrente di pensiero protagonista in questo racconto è quella stoica.

“Lo stoicismo, è una corrente filosofica  e spirituale. Gli stoici sostenevano le virtù dell’autocontrollo e del distacco dalle cose terrene, come mezzi per raggiungere l’integrità morale e intellettuale. Nell’ideale stoico è il dominio sulle passioni o apatìa che permette allo spirito il raggiungimento della saggezza….

Il termine stoico, nel linguaggio popolare indica ancora oggi una persona che sopporta coraggiosamente le sofferenze e i disagi ”

[Wikipedia]


La meditazione

Anche in questo testo, viene dato alla meditazione un ruolo importante come esercizio quotidiano per allenare la nostra mente al “distaccamento emotivo”, infatti la meditazione è una tecnica che permette al soggetto di astrarsi dal proprio corpo e prendere parte ai propri pensieri come semplice spettatore, senza il compito di dover giudicare. L’unica cosa che devi fare è solo quella di osservare.

Un accenno lo possiamo anche fare sulla procrastinazione, dove, in un quadro di non attaccamento, puoi immaginare i pensieri e le emozioni su quello che stai (continuamente) rinviando, come dei semplici fenomeni atmosferici passeggeri! Cosa significa? Semplice, anche un cielo azzurro viene coperto dalle nuvole, ci possono essere anche delle tempeste, ma alla fine queste quando passano lasciano di nuovo il posto a un caldo sole e un cielo sereno. Ti puoi rendere conto quindi, che la riluttanza a lavorare non va per forza sradicata o trasformata in positività: puoi coesistere con essa.
Come? P
rendi atto dell’istinto di procrastinare e poi agisci comunque!

 

Goditi la vita

Concludo con un altro pensiero affascinante che mi ha trasmesso questo libro: bisogna pianificare meno per avere un senso di incertezza

Cosa? Come mai allora tutti quanti affermano il contrario, cioè che bisogna pianificare tutto, fin nei minimi dettagli?!

Ovviamente il messaggio che vuole passare non è quello di non pianificare più niente, ma trovare il coraggio per osare di più e correre qualche rischio. Questo perché un po’ di sana ansia del non sapere cosa il futuro abbia in serbo per noi, ci permette di scavare più a fondo nella nostra visione preferita del futuro che desideriamo ottenere, contribuendo a liberarci dall’incertezza che ci vincola al presente.
Vivere senza obiettivi, ci rende più felici e più produttivi!

Hai voglia di apportare delle sane abitudini nella tua vita? Prova a dare uno sguardo a queste 10 buone abitudini che ti consiglio! 😉

 

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ti abbia aperto nuovi orizzonti come è successo per me. Condividilo sui tuoi social preferiti per aiutare anche i tuoi amici ad ampliare la loro visione! Grazie!

Buona esplorazione!

Lascia un commento

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu