Le 7 Leggi Universali o Principi Ermetici

Cosa sono le Leggi Universali?

Le prime idee sulle Leggi Universali nascono migliaia di anni fa da un personaggio semi-leggendario chiamato Ermete Trismegisto, letteralmente “Ermete il tre volte grandissimo“. La leggenda vuole che queste leggi furono scritte dallo stesso Ermete su una lastra di smeraldo con una punta di diamante. La lastra di smeraldo o la smeraldina contengono quindi le 7 Leggi Universali, che possiamo chiamare anche i 7 Principi Ermetici.

Se vuoi scoprire di più sulla tavola smeraldina e su chi fosse Ermete Trismegisto, ti consiglio caldamente di leggerti questo articolo sulla Tavola Smeraldina di Ermete Trismegisto!

Ma qual è la principale rivelazione di queste Leggi? Di cosa parlano? Quanto sono potenti queste Leggi?

immagine a colori ermetismo con forma di stella con figure angeliche dall'alto

Non a caso sono definite Leggi Universali. Queste Leggi o Principi regolano Tutto. Studiarle e comprenderle, anche se solo in parte, ti permetterà di avvicinarti alla tua parte interiore che ha del divino

Come per la legge di gravità, la quale è una legge della fisica, le Leggi Universali, sono sempre valide, perfette, imparziali e soprattutto, indistruttibili.

Non puoi sfuggire dalla loro potenza. Gli studiosi dell’ermetismo  seguono tutt’ora gli insegnamenti di Ermete Trismegisto, associandolo sia al dio egizio della conoscenza Thot che al dio greco messaggero Hermes.

Queste idee, queste scritture, sono sopravvissute nel corso di migliaia di anni, tramandate a pochissimi eletti, in quanto sappiamo bene che, diversi secoli fa, si poteva venire marchiati come eretici e sottoposti a diverse terribili torture. Oggi queste idee sono state riprese e rese un manifesto per tutti i siti e i libri che, come me, vogliono accompagnare il lettore in un percorso di crescita personale.

Tieni bene a mente che quanto starai per leggere è stato scritto migliaia di anni fa e solo in tempi recenti gli studi e le ricerche stanno confermando quello che gli antichi già sapevano!

Come sosteneva Ermete, ognuno di noi è dotato di libero arbitrio, quindi alcuni si avventureranno in un sentiero che li porterà in zone per lo più ancora inesplorate, ma dove risiedono le più grandi rivelazioni di tutti i tempi. Altri invece preferiranno una via più sicura e conosciuta, accontentandosi.

La scelta è solo tua!

disegno ermetismo

I - La Legge dello Spirito

“Tutto è mente – L’Universo è mentale”

La legge dello spirito o principio del Mentalismo, ci indica proprio di come ogni cosa (la materia, l’energia e la vita) che esiste, è una creazione della Mente Universale, ovvero uno spirito inconoscibile e indefinibile, vivente e infinito, la cui esistenza si manifesta proprio nell’attività mentale creatrice.

“Tutto è spirito. La fonte della vita è infinito spirito creatore. L’universo è mentale. Lo spirito regna sulla materia.”

Tutto quello che ci circonda è soggetto alle leggi della creazione mentale. Le leggi si applicano a qualsiasi cosa, quindi dal macrocosmo al micro.

In questa prima legge o principio universale, è evidente quanto sia immenso il potere della mente,  che è il vero agente creatore di ogni cosa e di ogni situazione. Riuscire a comprenderla, significa avere la capacità di poterne usufruire a proprio vantaggio, difendendoci dal pericolo di un uso casuale e sconsiderato.

La comprensione di questa porterà nelle mani dello studioso e avventuroso la chiave del sapere, il quale potrà entrare nel tempio della conoscenza mentale con passo sicuro. In essa, risiedono i segreti svelati della natura come la forza, l’energia, la materia e la loro relazione alla propria mente.

“Tutto il potere è interiore e dunque è sotto il nostro controllo”
(Robert Collier)

Uno dei Grandi Maestri scrisse: “Chi afferra l’essenza della natura mentale dell’universo è assai progredito sul sentiero della capienza”.

La chiave del sapere

immagine ermetica di un disegno bianco nero molto articolata, con albero e angeli che proclamano l'assoluta verità divina

Ognuno di noi possiede questo potere, racchiuso nella nostra mente. Cosa significa? Che sei tu l’unico creatore e responsabile di tutto quello che ti circonda. I tuoi pensieri determinano la tua realtà e la tua esperienza.

Se “I pensieri diventano cose”, allora forse preferirai sviluppare più un pensiero positivo che uno negativo, giusto? E fai bene, in quanto un pensiero positivo è centinaia di volte più potente di uno negativo.

Inoltre le “cose”, per fortuna, non si materializzano all’istante, infatti se ogni pensiero negativo si realizzasse nello stesso momento in cui finisci di concepirlo, sarebbe un autentico disastro. C’è quindi un periodo di tempo necessario affinché questo accada e tu imparerai a sfruttarlo.

Tuttavia questo enorme potere, che può essere usato per creare un mondo migliore, viene sfruttato anche per le cose “brutte”. Disastri naturali, guerre, carestie, epidemie. Certo, non sei tu il diretto responsabile a questi eventi. Tuttavia, sappi che dedicare attenzione, quindi energia emotiva ad un evento, è come chiedere all’Universo la ripetizione dell’esperienza. Fai attenzione a quello che pensi, a quello che immagini, soprattutto se ci dedichi molta della tua energia emotiva! Più tempo, emozioni, pensieri, immagini, assorbi più contribuisci a creare questi scenari apocalittici.

Sfrutta il tuo potere per contribuire attivamente alla felicità tua e di chi ti sta incontro. Dai il buon esempio. Ad esempio puoi iniziare a fare del volontariato.

Se ognuno di noi imparasse questo, l’umanità si evolverebbe.

“Non andrò mai a una manifestazione contro la guerra. Ma se organizzate una manifestazione per esaltare la pace io ci sarò”.  
(Madre Teresa)


II - La Legge della Corrispondenza

“Com’è al di sopra, così è al di sotto; com’è sotto, così è sopra”

La seconda Legge ci dice che esiste una precisa analogia tra le leggi che regolano i diversi livelli dell’esistenza. Grazie ad esso possiamo capire come i diversi sistemi, dal più grande al più piccolo, funzionino tutti attraverso le stesse leggi.

Tra le leggi e i fenomeni dei diversi piani di vita, c’è sempre una corrispondenza.

La legge ci fornisce una chiave per decifrare alcuni segreti e paradossi della natura ricorrendo all’analogia, infatti, conoscendo i meccanismi che regolano alcuni dei sistemi conosciuti, possiamo procedere per analogia con quelli sconosciuti.

Inoltre, essendo una Legge Universale, vale su tutti i piani di esistenza (o livelli di coscienza): materiale, mentale e spirituale.

Abbattere i muri del mistero

Secondo gli ermetisti, questa legge costituiva uno dei mezzi mentali più efficaci per l’eliminazione degli ostacoli che impediscono al nostro sguardo e ai nostri pensieri di abbattere i muri del mistero. La sua applicazione permise di intravedere il volto della dea egizia Iside, imparando a passare con intelligenza da quello che è noto e conosciamo, all’ignoto. Un esempio pratico lo otteniamo da alcuni principi geometrici, secondo i quali possiamo misurare da enorme distanza: le dimensioni e i movimenti dei pianeti e dei corpi celesti.

“Si racconta la storia di due cani, che, in momenti diversi, entrarono nella stessa stanza. Uno ne uscì scodinzolando, l’altro ne uscì ringhiando. Una donna li vide e, incuriosita, entrò nella stanza per scoprire cosa rendesse uno felice e l’altro così infuriato. Con grande sorpresa scoprì che la stanza era piena di specchi. Il cane felice aveva trovato cento cani felici che lo guardavano, mentre il cane arrabbiato aveva visto solo cani arrabbiati che gli abbaiavano contro. Quello che vediamo nel mondo intorno a noi è un riflesso di ciò che siamo. Tutto ciò che siamo è un riflesso di quello che abbiamo pensato. La mente è tutto. Quello che pensiamo diventiamo”. (Buddha)

III - La Legge della Vibrazione

“Tutto si muove, tutto vibra; niente è in quiete”

universo con particelle in vibrazione

La Legge della Vibrazione, o il Principio della Vibrazione, trova oggi conferme anche nella scienza, almeno per quanto riguarda la materia. Interessante però rimane osservare come queste ricerche fossero già note, migliaia di anni fa, dai maestri dell’antico Egitto.
Oggi,  sappiamo che anche gli oggetti, apparentemente solidi, siano in realtà composti da atomi legati tra di loro, ovvero da particelle che vibrano costantemente. Il fatto che ci appaiano come solidi e compatti dipende dalle nostre limitate capacità di percezione, ma in realtà ogni cosa vibra e possiede una propria frequenza vibratoria, la quale è inversamente proporzionale alla densità della materia che la compone.

Quindi: “Più è alta la vibrazione, maggiore sarà la posizione sulla scala della spiritualità.”

La seconda Legge ci dice che esistono tre piani di esistenza: spirituale, mentale e fisico. Ogni piano vibra a velocità diverse. Il piano spirituale vibra a velocità superiore del mentale, mentre il piano fisico è il piano che vibra più lentamente. Questa è l’unica differenza che esiste tra i piani della realtà in cui viviamo. Se un sasso aumentasse le proprie vibrazioni lo vedresti scomparire sotto i tuoi occhi!

Dalla particella più piccola, come i neutroni e gli elettroni, agli atomi e alle molecole, fino a giungere ad interi mondi e universi, la Legge afferma che tutto è in perenne vibrazione.

Un antico scrittore recitava: “Chi comprende questa grande regola, ha in mano lo scettro della potenza”.

Proprio grazie a questa Legge ed a quelle che la regolano, gli ermetisti possono riuscire a controllare le proprie e le altrui vibrazioni mentali, ma lo stesso principio vale anche per esercitare un determinato potere sui fenomeni naturali.

La Legge dell’Attrazione

Questa terza Legge Ermetica, quella della Vibrazione, ci permette di comprendere il segreto della famosa Legge dell’Attrazione, secondo la quale ciò che è simile si attrae. Quindi, le vibrazioni di una certa frequenza attirano vibrazioni con frequenza uguale.

“Un pensiero positivo risuona con un’azione positiva. I tuoi pensieri creano non solo l’ambiente dentro di te, ma attivano strutture di risonanze nell’ambiente che ti circonda, le quali attirano fenomeni verso te. Essenzialmente creiamo il nostro mondo attraverso i nostri pensieri e credenze”.  

(Bruce Lipton)

Vediamo un esempio reale: ipotizziamo che qualcuno ti faccia un complimento sincero, le tue vibrazioni interne cambiano! Come te ne accorgi? Perché magari sorridi, arrossisci, ti emozioni e quindi il tuo stato d’animo cambia. Questo procedimento prende il nome di induzione emotiva. Le vibrazioni della persona che ti ha fatto il complimento hanno influenzato le tue. Al contrario, se qualcuno ti urla addosso o se riversa collera e rabbia contro di te, le tue vibrazioni interne cambieranno e forse inizierai a urlare anche tu.

Ora hai gli strumenti per comprendere bene l’importanza dei suoni che ascolti e che pronunci. Anche i colori hanno un potere vibrazionale che ti può facilitare l’induzione emotiva.

La Legge della Vibrazione afferma quindi che tutto vibra e che noi esseri umani siamo in grado di plasmare la realtà attraverso le vibrazioni che emaniamo, attraverso quindi la preghiera, l’immaginazione, la creatività, l’intuizione… Così come il canto della mamma influenza il bimbo facendolo dormire, così le tue vibrazioni influenzano la realtà che ti circonda.

La rivelazione, il libro completo sulla legge di Attrazione e sulla riprogrammazione mentale

Desideri comprendere meglio la Legge dell’Attrazione usandola per migliorare la tua vita?

Leggi “La Rivelazione“!

IV - La Legge della Polarità

“Tutto è duale; tutto è polare: per ogni cosa c’è la sua coppia di opposti. Come simile e dissimile sono uguali, gli opposti sono identici per natura e differiscono solo di grado. Così gli estremi si toccano; tutte le verità non sono che mezze verità e ogni paradosso può essere conciliato”

yin yang rappresentazione del bene e del male, del bianco e del nero in equilibrio

Questo antichissimo assioma ermetico, ci fornisce la spiegazione per tutti quei paradossi che, per tanto tempo, hanno tenuto in dubbio l’uomo e che possono essere così spiegati: “tesi e antitesi hanno uguale natura, ma sono diverse per grado“, oppure: “gli opposti sono identici, differendo solo di grado, cosicché possono venire conciliati e gli estremi finiscono col toccarsi. Nello stesso tempo, ogni cosa è e non è; ogni verità non è che mezza verità; tutte le verità sono per metà false, ogni cosa ha due lati“, e così via.

Risulta quindi d’obbligo il richiamo al noto sistema filosofico taoista basato sull’interazione delle polarità opposte Yin e Yang.

Gli opposti non sono altro che i due estremi della stessa cosa, ma con diverse variazioni di grado. Ad esempio: il caldo e il freddo, differiscono tra di loro solo per le diverse gradazioni, ma in realtà sono identici, sebbene opposti. Se guardi il termometro, sapresti identificare dove termina il freddo e comincia il caldo?

Quindi il caldo o il freddo “assoluto“, indicano i diversi gradi della stessa cosa, che a sua volta, non è che una variante ed un grado di vibrazione; per cui dire “caldo” o “freddo” non è altro che il riferirsi, rispettivamente, ai due poli della stessa cosa.

Sapresti dire dove termina l’oscurità ed ha inizio la luce? Quale differenza esiste tra il grande e il piccolo, o il duro e il tenero, il bianco e il nero, l’acuto e l’ottuso, il movimento e la quiete, l’alto e il basso, il negativo e il positivo?

La spiegazione di tutti questi paradossi risiede proprio in questo Principio di Polarità. Discorso analogo può esser fatto per il piano mentale. Ad esempio, esaminiamo l’amore e l’odio: ovvero stati mentali che a prima vista sono del tutto in opposizione tra loro. Però, tra i vari gradi di odio e di amore, c’è un punto intermedio in cui diciamo “piacere o dispiacere”, o anche né l’uno né l’altro.

Per capire che ognuno di essi si riferisce alla stessa cosa, ti basterà continuare a rifletterci un attimo. Inoltre, si possono cambiare le vibrazioni d’odio in quelle d’amore e viceversa, e non solo nel proprio spirito, ma anche in quello degli altri!

Uno strumento lo rende possibile, è il ricorso cosciente sulla propria volontà. Un potere enorme, come quello dell’amore, è quello del perdono. Nessuno dice che è facile, ma con uno sforzo di volontà non ti sarà neanche impossibile perdonare.

“Quello a cui tu resisti permane, quello che accetti scompare”.

(Neale Donald Walsch)


Imparare a perdonare ti porterà a non farti più condizionare dall’ambiente circostante. Sfrutterai al meglio le Leggi, plasmando la realtà che desideri, senza diventarne succube.

Il potere della Polarità

Bene e male, abbiamo detto, non sono che i poli della stessa cosa, e nessuno quanto uno studioso ermetico, è a conoscenza dell’arte di trasmutare il male in bene, in base all’applicazione del Principio Polare. Ogni opposto esiste solo perché esiste anche l’altro, e ognuno ha bisogno dell’altro, contenendo in sé la potenza.

Se ci fosse solo amore sul pianeta, espresso in tutte le sue molteplici forme, e non ci fosse la paura con tutte le sue derivazioni, non potresti riconoscere e apprezzare l’importanza dell’amore.

Per concludere, l’arte della polarizzazione, finisce col diventare una fase dell’alchimia mentale, nota e praticata da maestri antichi e attuali. Rendersi padroni di questo principio, significherà per ognuno poter invertire la propria polarità ed anche quella altrui, naturalmente dopo una lunga applicazione ed uno studio adeguato.

V - La Legge del Ritmo

“Ogni cosa fluisce e rifluisce, ogni cosa ha fasi diverse; tutto s’alza e cade; in ogni cosa è manifesto il principio del pendolo: l’oscillazione di destra è pari a quella di sinistra: tutto si compensa nel ritmo”

ipnosi pendolo orologio da taschino

Nella Legge del Ritmo risiede la chiave per comprendere che in ogni cosa, c’è un movimento, un moto e una simmetria eterna tra i due poli. Ad ogni azione seguirà sempre una reazione, come ad esempio, per ogni innalzamento seguirà un abbassamento.

Essendo una Legge Universale, questo principio si applica a tutto: per i pianeti, gli astri celesti, l’energia e la materia, ovviamente anche per gli uomini, gli animali e la mente.

La potenza di questo principio regolatore, la possiamo vedere nella creazione e nella distruzione dei mondi, nello sviluppo e nella corruzione dei popoli, ma anche negli stati mentali umani.

Se vuoi imparare a sfruttare a tuo vantaggio questa legge, devi imparare a “mantenere il ritmo”, ovvero non ti fermare mai, continua a muoverti e quindi ad agire.

Se hai dei problemi e sei in una situazione di difficoltà, ti conviene prima di tutto accettarla per poter agire e modificarla. Tutto cambia, la Legge del Ritmo è sempre a lavoro. Inoltre, secondo la Legge della Polarità, ricorda che ciò che oggi appare buio, domani sarà luce. Mentre per la Legge della Vibrazione, se ti concentri sul buio, il buio persisterà.
Agisci per creare!

Il ritmo scandisce il tempo durante il quale qualsiasi cosa muta, prende forma e si realizza, sul piano fisicomentale e anche su quello spirituale.

Qualsiasi cosa tu voglia realizzare, ricordati sempre che avrà bisogno del suo tempo per crescere e mostrarsi. Ricorda che non c’è movimento (cambiamento) senza ritmo e che quindi nulla si realizza istantaneamente.

VI - La Legge di Causa ed Effetto

“Ogni effetto ha la sua causa, ogni causa il suo effetto; tutto avviene in conformità di una legge, il caso è il nome dato ad una legge che non si conosce; pur se esistono diversi piani di causalità, niente sfugge alla legge”

La Legge di Causa ed Effetto è abbastanza esplicativa, infatti si basa sul principio per il quale ad ogni causa corrisponde un effetto, quindi ogni effetto ha la sua causa. Il principio è lo stesso delle lezioni di fisica che facevi a scuola: “Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria”!

Non esiste il concetto di casualità, ogni cosa segue una precisa legge. Il caso è un nome attribuito ad una legge non riconosciuta.

Numerose religioni o filosofie orientali, hanno attribuito a questa legge il concetto di Karma, quindi se nasci ricco o povero, sfortunato o fortunato, è la diretta conseguenza di una precisa azione.

Conoscere le leggi Universali, ti permetterà di innalzarti al di sopra del normale piano di causa ed effetto (almeno entro certi limiti) tanto da diventare causanti. Ognuno di noi è padrone del proprio destino, in quanto il tuo futuro sarà determinato dalle conseguenze delle tue scelte e non da eventi casuali.

Ricorda che questa legge, come le altre leggi, è sempre in atto, comprendi di vivere nel presente e correggi la qualità dei tuoi pensieri e delle tue azioni, “raccogli quel che semini”. Tutto nasce dai tuoi pensieri, quindi prima di scatenare sentimenti e azioni corrispondenti, prendi consapevolezza del momento presente e chiediti: Quello che sto pensando ora, al quale sto dedicando energia e forza creatrice, cosa mi potrebbe produrre per il mio domani?

Come ben sai, siamo sempre condizionati dall’ambiente in cui ci troviamo, ma quando riesci a controllare la tua mente, il tuo carattere, le tue emozioni il tuo stato d’animo, riesci a sfuggire al controllo sulla massa, diventando tu stesso l’artefice della vita che sceglierai.

Non farti usare dalla Legge, ma usala a tuo vantaggio!

VII - La Legge del Genere

“Il genere si manifesta in ogni cosa e su tutti i piani; ogni cosa ha il suo principio maschile e femminile”

Il nostro cervello è formato da due emisferi uguali, ma che svolgono funzioni completamente diverse. Quello destro viene generalmente associato alla parte “maschile” in quanto rappresenta la logica e la razionalità, mentre quello sinistro viene definito “femminile”, perché tratta la creatività e l’intuizione. La Legge del Genere evidenzia come questa dualità valga tanto per il piano fisico, quanto per quello mentale o spirituale, le fa cooperare e le mette in equilibrio. Una persona emotivamente stabile è quella che accetta entrambe le energie dentro sé.

Riguardo al piano fisico, il principio diventa evidente nella sessualità, mentre per piani superiori, anche se assume altre forme, rimane invariato. La nascita di una nuova vita infatti, necessita l’unione di un uomo e una donna tramite l’atto sessuale, ma lo stesso discorso può valere per qualsiasi altro tipo di creazione: da quella mentale, a quella spirituale, a quella artistica.

Dove risiede la creazione c’è sempre l’unione di una componente maschile con una femminile, con le modalità proprie di ogni livello di esistenza.

Comprendere che in ogni elemento femminile c’è anche una presenza maschile e viceversa, è il segreto alla base di tutta la creazione: fisica, mentale o spirituale.

Questa legge si applica appunto su Tutto, qui vi è racchiusa la chiave per svelare i grandi misteri della vita.

Purtroppo nel corso dei tempi, questa Legge è stata sottoposta a distorsioni che portavano alla degenerazione dello spirito, usandolo come strumento da alcune persone per fini infimi.

Concetto del Genere

Possiamo riassumere questa legge in 3 semplici movimenti:

  • Energia femminile – creatrice di un’idea, un’intuizione permette di generare e fissare gli obiettivi (sentimento)
  • Energia maschile – si adopera per manifestare fisicamente quello che era solo un’idea (azione)
  • Energia femminile – cercherà di “attrarre” l’esperienza richiesta, ma per farlo non dovrai avere aspettative (accettare)

Accettare significa proprio liberarsi dal tormento e dall’aspettativa che le cose debbano “per forza” funzionare. Se ti liberi dalle aspettative, potrai giudicare con razionalità e distacco i risultati, in modo da poter effettuare le opportune correzioni nella manifestazione fisica, ovvero nell’azione.

Conclusione

Se comprenderai e continuerai a studiare queste leggi nella vita di tutti i giorni, imparerai a sfruttare sempre di più il loro potere. Comincia dal piccolo e poi applicalo al più grande!

Il vero segreto delle Leggi è che bisogna applicarle, la teoria non è sufficiente. Hai nelle tue mani il potere per cambiare in meglio la tua vita e quella degli altri! Utilizza questo sapere millenario per fare del bene e migliorare il pianeta in cui viviamo.

Un’altra tecnica millenaria che mi sento di consigliarti è quella della meditazione! Se sei curioso di saperne di più, prova a dare uno sguardo a questo mio articolo su cosa significa e su come iniziare a meditare!

Se sei arrivato a leggere fino a qui, Complimenti! Sono sicuro che questo percorso ti porterà lontano. Se ti è piaciuto questo articolo, aiutami a condividerlo in modo che altre persone possano informarsi su questo meraviglioso potere. Le aiuterai a rendersi conto che sono loro ad avere il potere sulla propria vita! Grazie!

Buona esplorazione!

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu