Meditazione camminata: cosa, come e perché

Ogni giorno, per un motivo o per un altro, tutti quanti noi ci spostiamo, ci muoviamo, che sia camminando, oppure in macchina o su un qualsiasi altro mezzo, arriviamo ad una precisa destinazione. Durante il tragitto però, generalmente ci perdiamo nei nostri pensieri: “Devo fare la spesa e ricordarmi di prendere questo e quello”, “Sono in ritardo, non ce la farò mai ad arrivare in tempo all’appuntamento“, “Oggi ho davvero mille cose da fare“. Insomma, ci lasciamo sopraffare da decine, se non centinaia di pensieri di questo genere. 

Ecco perché in questo articolo ti voglio raccontare tutto sulla Meditazione camminata. Un particolare tipo di meditazione che puoi sfruttare in qualsiasi momento della giornata. Imparerai così a calmare la tua mente, riordinare i tuoi pensieri e concentrarti meglio su quello che devi svolgere. Se sei uno di quelli che dice di non avere mai il tempo per la meditazione, con questa non avrai più scuse! Pensa che diverse persone di successo la sfruttano per entrare nella giusta mentalità, mentre che si dirigono ad un colloquio, o una riunione, nell’ufficio accanto. Quindi perché non approfondirla? Leggi l’articolo fino in fondo! Non te ne pentirai!

Impara ad entrare in contatto col silenzio che è dentro te stesso ed a capire che tutto in questa vita ha uno scopo.

Elizabeth Kübler-Ross

Ti chiedo solo di concedermi un secondo del tuo prezioso tempo! Se vedi il box di Facebook qui sotto, clicca su “Mi Piace”, mi aiuterai a crescere e sarai sempre aggiornato sulle novità! Grazie Esploratore!

Cos'è la Meditazione Camminata?

La Meditazione Camminata non deve essere presa come una “spensierata” passeggiata, in quanto è una vera e propria forma di Meditazione.

Venne praticata diversi millenni fa dallo stesso Buddha, che camminava abitualmente in tutta l’India, scalzo. Egli riconobbe 4 diverse forme di meditazione:

  1. Da seduti, che possiamo definirla quella classica dove presti attenzione al tuo respiro
  2. Da sdraiati, in posizione supina su una superficie comoda
  3. In piedi
  4. In movimento, nel nostro caso, camminando

Ti dico questo perché spesso si pensa che per meditare bisogna stare per forza seduti in posizioni, spesso, scomode. Non è assolutamente così. Se per te è difficile stare seduto per tanto o poco tempo, la meditazione camminata è una validissima alternativa che puoi sfruttare in tantissimi momenti diversi della giornata!

Quindi, invece di focalizzarti sul tuo respiro, con questa forma di Meditazione, la tua attenzione sarà rivolta principalmente allo spostamento del tuo corpo. Praticandola con costanza, svilupperai la tua consapevolezza del movimento, questo ti aiuterà a rimanere sempre più attento e ancorato al tempo presente. Inoltre, è davvero un ottimo esercizio che ti aiuterà a disciplinare la tua mente, schiarendoti i pensieri, trovando il buonumore e  aumentando le tue capacità di concentrazione.

La pratica meditativa è anche ottima per aumentare la tua resilienza e aumentare la tua autostima!

La meditazione è l’unico tempio in cui, quando entri, sei davvero all’interno di un tempio.

Osho

Come praticare la Meditazione Camminata?

Come ti ho accennato precedentemente, non è da confondersi con una normale e tranquilla passeggiata. Non è nulla di complicato, ma non bisogna sminuirla, in quanto, essendo una pratica meditativa, richiede sempre un minimo di attenzione. In questi esercizi non dovrai focalizzare la tua attenzione sul respiro, bensì appunto sul gesto della camminata vera e propria. Ah, ovviamente tieni gli occhi ben aperti quando cammini

Ognuno di noi ha il proprio “passo“, c’è chi normalmente cammina più velocemente e chi più lentamente. In questo caso non importa, quello che dovrai fare è sicuramente “rallentare“, un minimo, la tua velocità.

Con questo non intendo dire che dovrai andare in “slow motion“. Tuttavia, cerca di prenderti il tempo necessario per ascoltare tutto quello che succede attorno a te.

Ora, ad ogni passo, prova ad avvertire tutte quelle sensazioni che normalmente passano inosservate. Come per esempio: l’appoggio del piede al suolo (normalmente, prima si appoggia il tallone e poi l’intera pianta del piede), quanto peso ci scarichi sopra e così via. Cerca di essere il più naturale possibile. Sicuramente, ci vorrà del tempo per perfezionarsi, ma vedrai che più la praticherai, più sarà la tua stessa mente a “richiedertela“. Con un po’ di tempo e di costanza nel praticarla sempre, valuterai tu stesso i benefici che questo semplice gesto ti porterà, sia a livello mentale che fisico.

Come aggiungere Mantra e creare la tua personale Meditazione Camminata

Come per la meditazioneclassica“, i pensieri cominceranno a scorrere ininterrottamente. L’importante è lasciarli scorrere: analizzali, astieniti dal giudicarli e impara ad accettarli, in questo modo sarai tu ad averne il controllo e non viceversa.

Appena ti rendi conto di star divagando, riporta gentilmente la tua attenzione sul tuo corpo e sul tuo movimento.

Per rimanere più focalizzato su te stesso, puoi provare a ripetere un mantra mentalmente. Puoi ad esempio ripetere nella tua mente:

Io sono pienamente concentrato su di me e sul mio corpo“.

Ma non è tutto! Il più grande segreto della meditazione è che non esiste qualcosa di sbagliato, principalmente, devi fare quello che ti senti di fare! Puoi quindi unire a questa tecnica altre molto utili:

  • Aggiungi la respirazione corretta: ad ogni passo, oltre a prestare attenzione al movimento del tuo piede e alle sensazioni ad esso legate, prova ad usare la respirazione diaframmatica. Questo ti aiuterà a liberare più facilmente i pensieri dalla tua mente e le tossine dal tuo corpo. Quindi, mentre inspiri l’aria dal naso lascia che il tuo addome si gonfi. Aspetta un secondo trattenendo il fiato e poi liberalo dalla bocca.
  • Sviluppa la Gratitudine. Nell’articolo che ti ho segnalato, ti fornisco diverse tecniche per svilupparla. Tornando alla pratica meditativa camminata, essendo vincolato al presente e a prestare attenzione a quello che ti circonda, sviluppa un senso di Gratitudine. Ad esempio puoi pensare: “Sono davvero fortunato a godermi un po’ di aria fresca camminando“, “Il cielo oggi è davvero sereno“, “Sono davvero grato di avere due gambe che mi consentono di muovermi liberamente“. Sono sicuro che se ci fai caso, saranno molte le cose per cui puoi sentirti grato!

Con la pratica troverai il tuo stile e ti sentirai sempre più a tuo agio, migliorandone anche i benefici che ne ricaverai!

Perché fa bene la Meditazione Camminata?

Cominciamo prima dall’aspetto fisico. Camminare è un’attività che ormai è risaputo fare bene al nostro corpo. Aggiungere a questa attività la pratica meditativa, diventa un toccasana non solo per il nostro corpo, ma anche per la mente.

Hai presente Steve Jobs? Si dice che molti suoi problemi lavorativi li risolvesse sempre con lunghe passeggiate, ma era anche un appassionato di meditazione. Che il suo segreto fosse proprio la meditazione camminata? Diversi studi scientifici dimostrano come camminare aiuti a sviluppare la propria creatività e quindi trovare soluzioni più “originali” ai nostri problemi.

Quando ti senti stanco e stressato, praticare la meditazione camminando, ti aiuterà a ricaricare le tue energie, sfogando lo stress accumulato. Se ti capita di viaggiare spesso in macchina e accumulare lo stress, ho scritto un articolo che ti aiuterà, leggi come gestire lo stress in macchina e non solo!

La pratica costante, deve diventare un tuo obiettivo personale per temprare la tua mente a fare quello che decidi tu. Non trovare scuse, perché ogni giorno sei sempre in movimento!

Disciplina te stesso e la tua mente, rafforzerai la tua forza di volontà e non ci sarà più niente che potrà fermarti!

E quando non posso muovermi?

Se ti trovi in macchina, su un autobus o su un qualsiasi altro mezzo di trasporto, dove sei in piedi o seduto, puoi sempre praticare un altro tipo di meditazione.

Medita prestando sempre attenzione al tuo corpo:

  • La mia schiena è dritta?
  • La mia postura è corretta?
  • Il mio collo lo sto affaticando tenendolo inclinato?
  • C’è qualche parte del mio corpo contratta? Posso provare a rilassarla.
  • Sto respirando correttamente? Il mio addome si gonfia?

… e così via dicendo. Poni la tua attenzione su di te e cerca di trovare un equilibrio, questo è il significato della meditazione

Citazioni famose

La parola “meditazione” viene dal latino “meditari”, forma passiva del verbo che letteralmente significa “essere mosso verso il centro”. La coscienza rimane passiva mentre è mossa verso il centro (l’inconscio), dove può raggiungere la totalità: una riunificazione con i contenuti e con le tendenze che sono stati esclusi dalla coscienza.

Milton Erickson

 

La meditazione purifica l’anima, governa gli affetti, dirige le azioni, corregge gli eccessi. Forma i costumi, rende la vita onesta e bene ordinata, dà la scienza delle cose umane e divine.

San Bernardo

 

Se oggi il mondo è popolato di nevrastenici, di mediocri e di apatici, ciò è dovuto in massima parte al fatto che non si sa più pensare e meditare. Il silenzio interiore e la preghiera fanno grandi uomini.

Alexis Carrel

 

Insegnerete la meditazione e la preghiera perché in questo modo l’anima si dilata.

Antoine de Saint-Exupery

 

Questa, o monaci, la nobile verità sulla cessazione del dolore: il nobile ottuplice sentiero – retta visione, retta risoluzione, retto parlare, retto agire, retto modo di sostentarsi, retto sforzo, retta concentrazione, retta meditazione.

Buddha

Concludendo

Spero davvero che questo articolo sia stato fonte di ispirazione e di motivazione per iniziare o continuare la tua pratica meditativa. Come hai potuto leggere, ci sono diversi modi. Se trovi difficoltà a stare seduto per un lungo periodo di tempo, ricorri alla meditazione camminata. L’importante è meditare sempre, questi esercizi ti aiuteranno nel medio-lungo periodo, quando arriverai ad avere la costanza di praticarli ogni giorno. Noterai che avrai maggiore controllo dei tuoi pensieri e avrai più energia per realizzare i tuoi progetti. Quindi non arrenderti mai e continua sulla via della Meditazione, la quale è fondamentale per percorrere un’Esplorazione completa di Crescita Personale!

Aiutami a crescere mettendo, se non l’hai già fatto, un “Mi Piace” sulla mia Pagina Ufficiale su Facebook. In fondo, troverai i pulsanti che ti aiuteranno a condividere facilmente l’articolo sui tuoi social preferiti. Diffondi anche tu la conoscenza di questa tecnica e diventa un esempio per tutti! 

Grazie

Buona Esplorazione!

Risorse utili

Lascia un commento

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu