Come l’1% della popolazione può salvare il Mondo
  • Post author:
  • Post category:Mente

Quanto poco conosciamo il nostro mondo e quanto poco siamo consapevoli della responsabilità che ognuno ha sulla realtà nella quale viviamo? Come fanno i nostri pensieri a influenzare la realtà? Come possiamo migliorare noi stessi e collaborare tutti insieme per avere un impatto positivo enorme sul mondo?

In sostanza: come può l’1% della popolazione mondiale salvare il Mondo?

In questo articolo avrai le risposte alle domande poste sopra e a molto altro, come esperimenti, ricerche, tecniche e conoscenze perdute.

Dunque non mi resta che augurarti una profonda e riflessiva Esplorazione alla scoperta di un potere in grado di migliorare non solo noi stessi e la nostra vita, ma quella di tutti!

Attenzione!

Questo articolo può cambiare seriamente la tua vita… In meglio!

Si prega dunque i gentili Esploratori, di leggerlo completamente e di non fermarsi alla teoria, ma di metterlo in pratica! Solo così si farà un ulteriore passo in avanti nella nostra Evoluzione Personale

Prima di iniziare con l’articolo ti chiedo di dedicarmi ora, un secondo del tuo prezioso tempo. Se vedi il Box qui sotto, ti chiedo solo di lasciarmi un “Mi Piace“. Questo mi aiuterà a crescere e a produrre materiale sempre di maggior qualità per un numero superiore di persone!

Grazie per l’attenzione e buon proseguimento di lettura!

La Matrix Divina

Il padre della teoria quantistica, Max Planck, nel 1944 disse che tutte le cose sono solo energia pura, compresi noi. Tutto è semplicemente “Energia”. Gregg Braden è il ricercatore che grazie alle recenti tecnologie, è alla ricerca della prova dell’esistenza della Matrice di Planck, ovvero la Matrix Divina.

Nulla è fisico, in quanto tutto è vibrazione. Viviamo in un universo pieno di vibrazioni e il nostro corpo è costituito da queste vibrazioni di energia che emaniamo costantemente, come i nostri pensieri.

La Matrix Divina la possiamo immaginare come una sorta di rete elettrica o meglio una sorta di “maglia quantistica” che ricopre e collega il nostro universo nella sua interezza. Ogni filamento costituisce questa “maglia”, formando una struttura simile alle sinapsi che collegano i neuroni presenti nel nostro cervello.

L'effetto dei pensieri sulla realtà

Alcuni esperimenti scientifici sembrano aver dimostrato che il nostro DNA sia in grado di modificarsi in base alla frequenza prodotta dai nostri sentimenti e le emozioni, ovvero vibrazioni.

Continuando a parlare di esperimenti, alcuni ricercatori avrebbero scoperto che le frequenze più alte di energia sono quelle dell’Amore! Come sosteneva la filosofia ermetica nelle sue Leggi Universali, sono proprio queste vibrazioni dalle elevate frequenze che hanno un impatto sull’ambiente circostante, attraversando i 3 piani dell’esistenza (Mentale, Spirituale, Materiale), apportando cambiamenti fisiologici del nostro DNA e sulla nostra realtà.

Pensa all’influenza che hanno i nostri pensieri sulle nostre giornate e sugli eventi quotidiani che viviamo continuamente.

Ad esempio, quando ti capita di svegliarti innervosito, hai fatto caso ai pensieri negativi che generi, portandoti a vedere tutto storto? Anche riguardo alle cose che il giorno prima non lo erano, influenzando negativamente anche chi ti sta attorno, magari il tuo partner o i tuoi colleghi.

Se invece ti svegliassi più positivo tutto quello che prima era visto come negativo lo vedresti in maniera più armonica influenzando positivamente anche le persone.

In questo modo creiamo ogni istante la nostra realtà, in quanto i nostri pensieri creano il mondo che percepiamo.

Ora che ne sei più consapevole, che tipo di pensieri desideri coltivare?

Il risveglio spirituale

Sono numerose le profezie di diversi personaggi che annunciano l’ingresso in una nuova Era, più positiva, più luminosa grazie ad un Risveglio Spirituale collettivo, un risveglio delle nostre coscienze.

Personaggi come lo psichiatra Jung parlavano già di “inconscio collettivo“, ora sembra che grazie ad un esperimento siamo sul punto di dimostrare l’ipotesi della “coscienza collettiva” (detta anche Coscienza Globale), ossia una rete invisibile che collega l’intera umanità ed è in grado di reagire agli eventi importanti che accadono nel mondo (la Matrix Divina).

Ognuno di noi è energia e ognuno di noi, tramite la propria esperienza contribuisce a creare questa coscienza collettiva, determinando cosa siamo e com’è fatto il nostro mondo percepito con i cinque sensi.

Se ci pensi bene, non è raro che quando hai una “nuova idea” dopo poco magari ne senti parlare anche da qualche tuo amico o da qualcuno che ha agito brevettandola, magari dall’altra parte del mondo. Questo succede in quanto l’idea fa parte del collettivo e diventa “fruibile” anche da altri.

La società così come la vediamo se ci pensi è il frutto della nostra coscienza collettiva.

Pensi ancora di non valere niente e che i tuoi pensieri non contino nulla? Quale responsabilità hai anche tu in tutto questo? Qual è il tuo contributo alla società che abbiamo oggi?

L'unione fa la forza

Ma come si può avere un impatto mondiale per migliorare il nostro mondo? Attraverso l’unione, insieme siamo invincibili e in grado di compiere degli autentici “miracoli“.

Cerca di immaginare quindi le cose più in grande, cosa succederebbe se ognuno di noi, tutti insieme pensassimo ad un mondo migliore e positivo?

Se prima, da singoli individui, influenzavamo chi ci stava attorno, ora insieme potremmo cambiare tutto in poco tempo e in maniera positiva!

Gregg Braden scrive nel suo libro “Effetto Isaia” (MacroEdizioni) a pag.11:

“E’ possibile che esista una scienza perduta che ci permetta di trascendere le guerre, le distruzioni e le sofferenze che da molto tempo sono state predette per l’epoca attuale?”

La risposta è ““, abbiamo infatti 2 grandi strumenti a nostra disposizione:

1) La scienza della profezia, grazie alla quale possiamo accedere alle future conseguenze delle scelte che facciamo nel presente.

2) La tecnologia della preghiera, la quale ci consentirebbe di scegliere quale profezia futura vivremo.

Esperimento della preghiera di massa

Era un venerdì 13 del novembre 1998 quando fu indetta una preghiera mondiale per la pace in un momento di crescente tensione politica tra vari paesi del mondo. Quel giorno segnava una data importante, la scadenza del termine imposto all’Iraq per soddisfare le richieste delle Nazioni Unite in materia di ispezioni agli armamenti. Se l’Iraq non avesse soddisfatto le loro richieste, si sarebbe verificato un massiccio bombardamento destinato a distruggere i siti sospettati. I bombardamenti avrebbero sicuramente provocato la morte di molti civili e militari. Centinaia di migliaia di persone, collegate attraverso il World Wide Web, scelsero la PACE, programmando una preghiera di massa sincronizzata, che quella sera si svolse contemporaneamente in tutto il mondo.

Durante la preghiera, accadde un evento che molti hanno interpretato come un miracolo. Trenta minuti dopo l’inizio dell’attacco aereo, il Presidente degli Stati Uniti d’America, dopo aver ricevuto una lettera di ufficiali iracheni che gli assicuravano la loro cooperazione durante l’ispezione degli armamenti, emise un ordine piuttosto raro, chiedendo alle forze militari di “smontare”, ossia di ritirarsi a missione iniziata.

Poiché risultati simili erano stati registrati in precedenza in Iraq, Stati Uniti e Irlanda del nord, oggi si sta costituendo un corpus di prove indicanti che l’effetto della preghiera di massa va ben al di là delle coincidenze.

A conferma di un principio descritto da testi centenari, i fatti provano semplicemente che le scelte operate da molte persone e ORIENTATE IN MANIERA SPECIFICA hanno un effetto diretto e misurabile sulla nostra qualità di vita.

La responsabilità dell'1%

Braden è convinto che, se solo l’uno per cento della popolazione mondiale si focalizzasse su un sentimento di preghiera di pace, usando la giusta modalità, il mondo intero potrebbe cambiare, mutando la coscienza del mondo. Tuttavia, bisogna riflettere che la cosa non è così semplice come sembra, perché noi stessi, che ci sentiamo pronti a pregare per la pace nel mondo, non siamo esenti da esperienze di “guerra” nel nostro privato.

Nel nostro piccolo, quante volte ti sarà capitato di fare una o più cose senza riflettere davvero sulle conseguenze che porti all’intero pianeta? Ad esempio:

  • freghi il posteggio ad un altro
  • insulti all’automobilista che ci sorpassa (o ai ciclisti che non rispettano la fila indiana!), vendicandoci sorpassando con prepotenza un altro
  • fai il “furbo” usando tutte quelle piccole strategie per prevalere
  • serbi rancore desiderando che ad un’altra persona sia “impedito” o che gli capiti qualcosa
  • provi invidia desiderando cose d’altri per accrescere il tuo ego personale
  • e così via…

Potremmo continuare all’infinito. Queste piccole azioni che giustifichiamo come “innocenti” o “normali“, contribuiscono nel loro piccolo a promuovere schemi di guerra e di separazione.

Divisi siamo deboli e facilmente influenzabili!

Siamo circa 7,7 miliardi di persone in questo magnifico pianeta, l’1% equivale quindi a circa 77 milioni di persone (In Italia siamo circa 60 milioni)!
Immagina se tutti insieme ci unissimo, prendendo maggiore consapevolezza, sviluppando compassione verso il prossimo, come cambieremmo il mondo?

Ma questo sarà solo possibile se 77 milioni di persone decidono di prendere consapevolezza di se stesse, del proprio potere personale, della responsabilità che hanno sulla propria vita e su quella del prossimo, unendosi, investendo tempo ed energie per lavorare veramente su se stesse per crescere e migliorare!

Come salvare il mondo con la crescita personale

Ora forse potrai comprendere meglio perché dico sempre che ognuno di noi è importante, unico, speciale e può fare la differenza! Diventa consapevole del tuo potenziale e della responsabilità che hai sulla tua vita e su quella di coloro che ami.

Dovremmo davvero meditare sul significato di queste parole e capire che cosa significhi tradurle in atti concreti, cosa possiamo fare concretamente giorno dopo giorno?

Come possiamo ottenere questo se prima non otteniamo il “controllo su noi stessi“: corpo, sensi, emozioni e pensieri, perseguendo così l’ideale stoico.

Il lavoro non è facile, ma neanche impossibile, dobbiamo impegnarci per il nostro bene e per il nostro futuro e quello di chi amiamo. Tutto comincia quando impariamo a sviluppare la consapevolezza.

Per crescere ed evolvere, quindi, non è sufficiente solo volgere la mente e le aspettative verso dimensioni superiori o fare pratiche più o meno esoteriche, senza essere scesi prima nel proprio profondo.

Esploriamo dunque in profondità dentro di noi per risolvere quelle agitazioni, istintività, i pregiudizi e così via. Troviamo e accogliamo la pace per mezzo dell’accettazione completa di ogni situazione, sviluppando così la capacità di avvolgerci nella pace in qualunque stato, in quanto essa dipenderà da quello che si trova dentro di noi, senza subire più influenze negative del mondo esterno.

  • Impariamo a perdonare, liberandoci dalla collera e dal risentimento.
  • Diventiamo più oggettivi senza che le nostre percezioni influenzino le nostre aspettative, perché queste le alziamo troppo e quando vengono deluse, noi soffriamo.
  • Sviluppiamo la nostra resilienza, scegliendo quali pensieri valorizzare, adottando un atteggiamento mentale positivo
  • Serviamoci dell’umiltà per dimostrare con l’esempio che ognuno di noi può sempre imparare e migliorare. Rispettiamo le opinioni, la libertà di pensiero e le idee del prossimo anche se non le condividiamo.
  • Apriamo la nostra mente a nuove possibilità a diverse prospettive
  • Meditiamo per rafforzare la nostra presa di consapevolezza sul presente
  • Alziamo i nostri livelli energetici, “vibrando” positivamente grazie potere della Gratitudine

Nulla succede per caso

Abbiamo davvero bisogno di una presa di coscienza e di responsabilità che ci spinga ad impegnarci nel percorso di crescita e di miglioramento, risuonando in armonia con la frequenza del nostro pianeta e del nostro Universo.

In realtà questo sta accadendo, ma molto lentamente, anche grazie alla Legge di Attrazione che dice:

“Tutto ciò che esiste ha una certa frequenza (vibrazione). Le frequenze funzionano magneticamente perciò tutto ciò che create richiama altre cose simili.”

La rivelazione, il libro completo sulla legge di Attrazione e sulla riprogrammazione mentale

Un libro completo che vuole “rivelare” la filosofia ermetica con la Legge dell’Attrazione. Non solo, la seconda metà del libro tratterà della Riprogrammazione Mentale in modo da poter superare credenze negative e limitanti per sfruttare al meglio questa Legge Universale.

Anche tu che stai leggendo questo articolo, non è un caso, tutto avviene per una ragione, probabilmente stai vivendo questo “risveglio spirituale” esplorando le tue potenziali e il potere “divino” custodito dentro di te!

Ti invito dunque a non fermarti, continua ad esplorare, continua a sbagliare, crescere e migliorare! Il tuo pensiero conta! Ognuno di noi è prezioso e il potere del singolo può influenzare il Tutto!

Buon viaggio amico/a Esploratore/Esploratrice!

Lascia un commento

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu