Mente subconscia: 10 tecniche per usarla

La tua mente subconscia è quella che determina il 95% della tua vita. Questo è il numero che ci fornisce il biologo cellulare Bruce Lipton

Quindi, ti chiedo di immaginare

Se riuscissimo a stimolare la comunicazione tra la mente conscia e quella subconscia avremmo finalmente accesso al più potente strumento per portare l’abbondanza nella nostra vita, che sia: successo, felicità e ricchezza.

Maxwell Maltz in Psicocibernetica lo chiamava “meccanismo automatico“, mentre Napoleon Hill in “Pensa e arricchisci te stesso” definiva il subconscio come l’anello di congiunzione, identificandolo come l’undicesimo passo verso la ricchezza.

In questo articolo desidero spiegarti i 3 modi in cui la mente subconscia apprende e fornirti 10 preziose tecniche grazie alle quali potrai sbloccare il tuo potenziale e trarne davvero i massimi benefici per migliorare la tua vita.

Questo è un vero articolo esplorativo dove possiamo cominciare a esplorare e USARE le potenzialità della nostra mente.

“La mia vita è la storia di un’autorealizzazione dell’inconscio.”

Carl Gustav Jung

Tabella dei Contenuti

Mente conscia e mente subconscia

mente conscia e mente subconscia

Per darti un’idea della potenza che NON sfrutti, immagina la tua mente conscia come un bambino sulla sua mitica bici BMX (nostalgia anni 90) che si appresta a competere una corsa di velocità sfidando una ferrari (mente subconscia). 

Direi che è inutile fare pronostici, credo di aver reso l’idea.

La cosa fenomenale è che possiamo influenzare la mente subconscia (ferrari) affinché entri nella nostra squadra e quindi ci aiuti a competere la gara per vincere!

Ogni istante siamo bombardati da migliaia se non milioni di informazioni, pensa già solo a quante cose svolgiamo automaticamente camminando per strada: tutte le funzioni per muovere i muscoli, camminare, alzare le ginocchia, spostare la gamba avanti, appoggiare il piede per terra, rimanere in equilibrio, prestare attenzione a quello che abbiamo attorno, dove vediamo pubblicità, possibili pericoli ecc…

La mente subconscia è una banca dati infinita

mente subconscia come banca dati infinita

Noi vediamo e ricordiamo TUTTO!

Anche se non ne siamo coscienti… ricordate gli esperimenti svolti coi “messaggi subliminali”

La Disney qui è maestra, sfornando contenuti per bambini che possano attirare anche gli adulti con sottili richiami a sfondo sessuale per catturare l’attenzione inconscia degli adulti (svelato il mistero). 😉

La mente subconscia è una banca dati per tutto ciò che non è nella tua mente cosciente. Memorizza le tue convinzioni, la tua esperienza precedente, i tuoi ricordi, le tue abilità.

Tutto ciò che hai visto, fatto o pensato!

Non è neanche un caso che molte informazioni che non sapevamo di avere le si possono ottenere attraverso la guida di un esperto per mezzo della ipnosi regressiva.

Che strumento potente abbiamo a nostra disposizione?! E quanto poco lo sfruttiamo, affidandoci sempre più alla tecnologia, favorendo (la maggior parte delle volte) un impigrimento dei nostri neuroni.

Mente subconscia e mente conscia: comunicazione bidirezionale

La comunicazione tra il subconscio e la mente cosciente è bidirezionale.

Cosa intendo?

Ogni volta che hai un’idea creativa, un’emozione, un ricordo o un’immagine del passato, questa è la mente subconscia che comunica con la tua mente cosciente. 

La comunicazione nell’altro modo non è così banale e si ottiene utilizzando il principio dell’autosuggestione.

Lo scopo di questo ambizioso articolo è proprio quello di iniziarti ai fantastici poteri della mente subconscia e di come possono essere utilizzati sulla via del successo.

Mandalorian: this is the way - mente subconscia in esplorativamente

Ti assicuro che avrai a tua disposizione potenti strumenti e imparerai come comunicare meglio con il tuo subconscio e come impostarlo sulla “Via” dell’Abbondanza (non solo materiale).

Mente subconscia: cos’è e cosa significa?

Sicuramente hai letto anche tu da qualche parte che usiamo un’infima parte del nostro cervello, vero?

Beh, non è completamente vero.

La neuroscienza ci spiega e ci dimostra che in realtà noi usiamo il nostro cervello al 100% (e meno male)!

Quello che non sfruttiamo pienamente è il nostro potenziale! 

Perché no? 

Perché siamo pigri e troviamo soddisfatti i nostri bisogni principali.

Il nostro cervello adora l’efficienza ed ecco perché si parla di dittatura delle abitudini, non solo comportamentali, ma anche di pensiero.

Una lettura illuminante è quella di James Clear su “Atomic Habits“, davvero un MUST per il tuo percorso di crescita personale.

La barriera della mente subconscia

Come hai appreso prima, immagina di essere consapevole ogni istante di tutti i processi fisici del tuo corpo: dal respiro, al movimento, al battito del cuore ecc… Aggiungi anche tutte le informazioni esterne che ci arrivano da tutti i nostri 5 sensi: vista, tatto, olfatto, gusto e udito. 

Tutte queste informazioni vengono prese costantemente e “schiantate” nel nostro cervello (smistate nelle sue diverse aree competenti) per essere elaborate e per inviare una risposta o per allertare l’amigdala segnalando un pericolo imminente.

Insomma… se ci provi per qualche minuto ti potresti causare un forte mal di testa, perché per la tua mente conscia semplicemente… è troppo!!!

Per fortuna interviene la nostra mente subconscia che, come un’accumulatrice seriale, non si perde niente e mantiene il controllo di un monaco illuminato su tutte le funzioni vitali e necessarie alla nostra stessa sopravvivenza!

La mente subconscia nella meditazione, un primo esempio di influenza conscia

mente subconscia e meditazione conscia

Secondo te, perché la meditazione è così tanto studiata ed è sempre più praticata?

Ti ricordo che non ha “pochi secoli“, ma giusto un paio di MILLENNI (e forse anche di più, almeno così dicono, ma non si può esserne ancora completamente sicuri)!

La base della meditazione (vipassana) è la concentrazione su uno stimolo interno o esterno, il più sfruttato tra tutti è: il respiro.

La respirazione è un’azione che non devi ricordarti sempre di fare, ma una cosa che impari fin dalla nascita per la tua stessa sopravvivenza e che la mente subconscia mantiene e ripete per la tua intera esistenza.

Figo no?

Ci sono persone che respirano di petto, mentre altri di pancia (respirazione profonda diaframmatica), quest’ultima sarebbe quella corretta.

E indovina un po’?

Possiamo influenzare il nostro subconscio per impararla.

Tornando alla meditazione, quando sposti la tua attenzione sul respiro, sviluppi maggiore consapevolezza, diventi cosciente di quel processo, quindi non lo controlla più il tuo subconscio, ma lascia il posto di comando alla tua mente conscia.

A breve vedremo (nel dettaglio) quali sono i 3 metodi con i quali il nostro subconscio impara, ma qui credo sia abbastanza intuitivo. 

Come impari a guidare la macchina? Come cambi la tua respirazione? Con la cara e vecchia RIPETIZIONE!

Formula:

Pazienza + costanza = Autodisciplina

La miglior analogia per la mente subconscia: la scimmia selvaggia

albert lo scimpanzé spazio esplorativamente

“Hey, hey, Albert lo Scimpanzé non è una scimmia come le altre, attraverso la meditazione ha esplorato dentro di sé, ha trasceso i suoi limiti e si è evoluta!” 😉

In ogni caso, la mente (spesso nelle tradizioni buddiste) viene facilmente paragonata ad una scimmia selvaggia che non sta mai ferma e che continua a saltare da un ramo all’altro.

Questo è in effetti il miglior paragone che puoi fare per “comprendere” la tua mente subconscia. 

Se non ci credi è perché non hai mai provato ad osservare i tuoi pensieri mentre sei intento a meditare.

Non sarebbe bello se potessimo dare uno Scopo, una direzione da seguire a questa scimmia in modo che collabori con noi per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi?

mente subconscia e illustrazione di meditazione

3 modi in cui la mente subconscia impara

Nel nostro inconscio si strutturano le credenze (sia limitanti che potenzianti). 

Le abitudini che costruiamo, le paure che proviamo e le convinzioni che ci plasmano definendo il nostro “Io“, tutto questo esiste nella mente subconscia che impara dalle esperienze passate per mantenerci in vita. 

Quindi, come fa il subconscio a imparare dal passato? Usiamo la palestra per le nostre analogie.

1. Intensità delle emozioni

Sappiamo che i muscoli crescono quando li “rompiamo” e diamo loro il tempo necessario di riposo affinché possano rimarginarsi e rafforzarsi per non spezzarsi più tanto facilmente le volte successive.

È la nostra capacità innata di riparazione del danno che fa effettivamente crescere i nostri muscoli.

Manubri pesanti -> Danno più grande -> Muscoli più grandi

Allo stesso modo, avere intense emozioni per una particolare situazione condiziona il cervello collegando i neuroni responsabili tra loro. 

Quando allenti la tua forza di volontà e ti concedi un piccolo dolce, si instaura un meccanismo automatico che provoca piacere grazie al rilascio della dopamina dai nostri neurotrasmettitori.

Questa emozione piacevole può portarti a fare pensieri pericolosi come: “Oh beh, ne ho mangiato 1 ne posso mangiare anche 2“, oppure “Oggi me lo sono meritato da domani smetto di sicuro“, finendo per creare sempre nuove giustificazioni e ricercando conforto (dipendenza) nello zucchero (in questo caso specifico).

Un altro esempio ancora è l’emergere della PAURA.

La paura è l’emozione che il cervello rivela per tenerci in vita. Il problema è che il cervello non è in grado di distinguere tra un pericolo reale e uno immaginario: gli animali selvatici (pericolo reale) e l’umiliazione di parlare in pubblico (pericolo immaginario).

Questo porta a scatenare nel tuo corpo reazioni fisiologiche, stress e ansia, che alla lunga ti causeranno problemi e tu sarai condizionato da evitare queste situazioni.

Emozione intensa -> Inferenza -> Reazione subconscia

Quelle emozioni si ripeteranno fintanto che saremo influenzati dalla situazione particolare, che ci porta alla prossima via di apprendimento subconscio.

Gestione ansia: i rimedi!

Nel mio blog trovi un bel po’ di materiale utile per affrontare le emozioni di stress e ansia. La prima cosa che ti consiglio di fare è quella di spegnere il tuo dialogo interiore negativo e trasformarlo in positivo, magari non migliorerai subito la situazione, ma quanto meno smetterai di peggiorarla!!!

Come secondo passo importante è imparare delle tecniche di rilassamento, sfruttando anche la respirazione per poter ritrovare il giusto equilibrio.

Infine potrai trovare consigli e tecniche utili nella saggezza buddista o tramite il metodo Seneca.

Ultimo ma non meno importante, ecco 3 soluzioni per smettere di preoccuparti!

2. Ripetizione a Pappagallo

ripetizione come un pappagallo per la mente subconscia

L’abbiamo già accennata prima per imparare la nuova respirazione diaframmatica

Tornando all’esempio della palestra: un bodybuilder avrà successo se impara a pensare oltre al “dolore immediato“, concentrandosi sulla “gratificazione futura” che ripagherà i suoi sforzi.

Come le persone che cercano di rimettersi in forma, davanti alla tentazione di un dolce dovrebbero imparare a giocare con le submodalità del cervello per spostare la propria attenzione a come sarà bello rinunciare a quel dolce per poter sfoggiare il proprio fisico al mare, o per il piacere personale di entrare di nuovo in un vecchio vestito a noi caro, riposto in fondo, nel nostro armadio.

Attraverso la ripetizione possiamo imparare a condizionarci e a far passare informazioni coscienti nel nostro subconscio, per creare nuovi schemi di pensiero, più funzionali per i nostri obiettivi.

3. Tempistica

Quando ad esempio hai avuto una discussione a lavoro, torni a casa con quell’emozione ancora presente che probabilmente scaricherai sui tuoi affetti, peggiorando la situazione e creando un ponte emotivo che farà breccia nella tua mente subconscia.

O ancora, metti che sei in ritardo per un appuntamento, ti fiondi in macchina e trovi traffico, in che stato mentale ed emotivo arrivi all’appuntamento e come ti condiziona l’INTERA GIORNATA?

(Se ti trovi spesso nel traffico ho degli ottimi consigli per gestire questo tipo di stress.)

Il mio consiglio qui è di imparare a perdonare (e perdonarTI) e di tenere quotidianamente un diario della gratitudine.

Prima impressione

Anche tu avrai sentito dire che: “La prima impressione è importante”, ed è vero! 

Noi siamo portati o ad cercare quello che ci piace e che ci fa stare bene, oppure a fuggire dal provare dolore e sofferenza.

Se rendi traumatico il tuo incontro in palestra, come terrai fede al tuo impegno le volte successive?

Attenzione però a non esagerare! Associare un forte dolore al proprio peso attuale per dimagrire, potrebbe anche funzionare, ma con l’alto rischio di sviluppare malattie quali bulimia o l’anoressia!

Cercate piuttosto di accettarvi e di amarvi, facendo del vostro meglio per voi stessi, considerando il vostro corpo come un tempio da custodire e proteggere!

Onde cerebrali

La mente subconscia è aperta a nuovi condizionamenti quando le onde cerebrali sono al livello ottimale, quello che si chiama: lo stato Alpha.

Ne parlo meglio sia nel mio eBook Cervello al 100% in quanto questo stato è quello ottimale per lo studio e la memorizzazione, e ovviamente nelle registrazioni di affermazioni positive potenzianti che possano installare nuove credenze nella tua mente, sostituendo quelle limitanti.

Lo stato Alpha è caratterizzato da una frequenza particolare delle nostre onde cerebrali che, come in uno stato di leggera trance (ottenuta con la meditazione o l’ipnosi), si abbassa fino ai 7-8 Hz.

Come dicevo all’inizio noi siamo già naturalmente in questo stato mentale “magico” 2 volte al giorno:

  • al mattino quando ti svegli;
  • e la sera poco prima di addormentarti.

Ecco perché, ascoltare le registrazioni di affermazioni positive e potenzianti prima di andare a dormire ha un effetto benefico sulla tua mente.

Ricorda infatti, che le parole, anche se non le comprendi con la mente conscia, non sfuggono e vengono ugualmente registrate da quella subconscia.

Comunicare al tuo subconscio

Abbiamo quindi visto diverse tecniche e modalità di come la nostra mente subconscia impara e quindi di come influenzarla, ma queste NON sono ancora le 10 tecniche principali che intendo svelarti a brevissimo!

Vorrei solo fare una piccola precisazione.

Quando comunichiamo alla nostra mente subconscia per mezzo delle nostre emozioni, questa non fa una differenza tra positive o negative, ascolta però quelle con l’intensità più alta.

Per la Legge della Polarità sappiamo che Odio e Amore sono i 2 estremi opposti in una scala di emozioni.

In generale le emozioni negative che ci “avvelenano” sono: la rabbia, il rancore, la gelosia, l’avidità e la paura; mentre quelle positive che ti “elevano” sono: l’amore, la gratitudine, il perdono, l’entusiasmo, la fede e la speranza.

Imparare a riconoscere e gestire le nostre emozioni è segno di una sviluppata Intelligenza Emotiva.

D’altronde, vuoi davvero che siano le emozioni a definire sempre le tue azioni?

Sei dotato anche tu di ragione, quindi hai tutto quello che ti serve per sviluppare il tuo controllo interiore.

Sfortunatamente le emozioni negative sono solitamente più forti di quelle positive, diciamo che hanno una maggiore presa sulla nostra mente subconscia.

Qui ti insegnerò delle tecniche, ma altre più avanzate le potrai trovare nel mio libro: La Rivelazione.

I 4 strumenti più importanti per comunicare con la Mente Subconscia

Come abbiamo visto i 3 modi in cui la nostra mente subconscia impara, ora analizzeremo meglio i 4 strumenti che possiamo (e dobbiamo) padroneggiare per influenzare positivamente il nostro subconscio.

A seguire troverai tutte le 10 tecniche grazie alle quali potrai allenarti e sviluppare ognuno di questi 4 strumenti principali.

Vediamoli insieme.

Strumento 1: Paure e Dialogo interiore

obiettivi passione desiderio ardente per tecniche mente subconscia

Abbiamo visto infatti che le emozioni influenzano davvero molto il nostro subconscio, soprattutto quelle intense negative come la PAURA.

Quindi, il primo passo per sfruttare il potere della mente subconscia è ELIMINARE i pensieri limitanti carichi di emozioni negative. 

Devi anche spegnere il dialogo interiore negativo, trasformandolo in positivo.

Invece di dirti: “Non ce la farò mai”, prova a dirti: “Non so se ci riuscirò, ma potrò sempre provarci per testarmi, così saprò cosa migliorare e avrò imparato qualcosa di nuovo su di me”.

Le tue paure, per l’effetto Pigmalione, tendono spesso a trasformarsi in realtà come delle “profezie autoavveranti”. Il nostro dialogo interiore determina anche la nostra autoefficacia e la nostra autostima.

Quanto prima inizierai a intervenire per contrastare, limitare e sostituire questi pensieri, tanto prima comincerai ad avanzare verso il tuo successo.

Trova la tua Top 10 di pensieri negativi

Il primo passo è essere consapevoli di quali pensieri occupano i primi posti nella classifica dei tuoi pensieri negativi che ripeti più e più volte nel corso della giornata.

Gli strumenti che ti consiglio di cominciare da adottare fin da subito sono:

  • un diario per i tuoi pensieri ed emozioni;
  • iniziare a meditare;
  • imparare ad accettarli, questo perché più opporrai resistenza e più li alimenterai. Pensa alla scimmia selvaggia, più cercherai di tranquillizzarla con la forza e più questa si agiterà, se invece ti siedi, la osservi e aspetti pazientemente che si calmi presto lei si tranquillizzerà.

Strumento 2: Desiderio ardente

mente subconscia e desiderio ardente

Il tuo subconscio agirà anche sui pensieri che vengono trasmessi con desiderio.

Alimentato da un sincero desiderio che ti infiamma l’animo, il tuo subconscio farà QUALSIASI COSA per aiutarti a ottenere l’oggetto desiderato.

Aprirà anche tutti i canali disponibili alla mente cosciente per informazioni su come farlo. 

In pratica, sarai più ricettivo ad intuizioni brillanti, soluzioni creative ed originali.

Quando hai uno scopo nobile che diventa un’ossessione positiva e una guida nella tua vita, tramite un ardente desiderio di vederlo diventare realtà, ti porterà ad ottenere successo.

I migliori atleti diventano i migliori solo per il loro ardente desiderio di essere i numeri uno. Non c’è nient’altro che vogliono dalla vita. Questo è il sogno dominante della loro vita e sono disposti a fare ciò che serve per ottenerlo:

  • Restare fino a tardi dopo la sessione di allenamento e affinare le loro abilità.
  • Fare quello che serve per espandere il loro set di abilità e diventare migliore degli altri.
  • Impostare il loro subconscio per cercare nuove opportunità che li aiuteranno a raggiungere i loro obiettivi.

Come puoi coltivare il desiderio ardente in 3 mosse?

  1. Inizia con la definizione del tuo obiettivo, in linea con i tuoi valori fondamentali.
  2. Rendilo il più specifico, realistico e stimolante possibile (SMART).
  3. Scrivilo da qualche parte e sentilo, leggi ogni giorno il tuo obiettivo e immagina cosa proveresti a raggiungerlo, vivilo al presente come se lo avessi già ottenuto.

Strumento 3: Fede e amore

mente subconscia e amore

Napoleon Hill, nel suo best-seller “Pensa e arricchisci te stesso”, sostiene che le emozioni più potenti e positive sono la fede, l’amore e il sesso.

I primi due sono più spirituali, mentre l’ultimo è ovviamente più biologico.

Quando sono tutti presenti, potenziano qualsiasi pensiero e può facilmente installarlo e radicarsi nella mente subconscia.

Quindi, agirà in base al pensiero e lo tradurrà nella realtà in azioni, opportunità e idee.

La fede è uno stato d’animo, che può essere indotto, o creato, da affermazioni o istruzioni ripetute alla mente subconscia, attraverso il principio dell’autosuggestione (che vedremo meglio tra poco).

La fede è diversa dalla speranza, perché quando abbiamo fede, siamo sicuri del risultato.

Mentre quando speriamo, stiamo semplicemente suggerendo a noi stessi un possibile scenario in circostanze incerte.

Strumento 4: Autosuggestione

mente subconscia e tecnica autosuggestione con visualizzazione

La natura ha dato agli esseri umani un controllo assoluto sulle informazioni che entrano nella mente subconscia, attraverso i cinque sensi. Tuttavia, ciò non significa che tutti esercitino questo controllo. 

L’ideale stoico per il controllo delle passioni era il raggiungimento dell’apatìa.

Noi non dobbiamo essere così estremi, però c’è da dire che sono veramente poche le persone che esercitano questo controllo. Ecco una ragione interessante che allontana le persone dal sentiero dell’abbondanza.

Il metodo per introdurre i pensieri nella mente subconscia è chiamato autosuggestione

I pensieri dominanti, quelli che ripetiamo più spesso a noi stessi, che rimangono quindi maggiormente nella mente cosciente (negativi o positivi), si dirigono verso la mente subconscia e la influenzano.

Un pensiero domina soprattutto quando è associato ad una forte emozione: fede, paura, amore e così via.

Le 10 Tecniche PRATICHE per controllare, usare e influenzare la tua Mente Subconscia, liberando il tuo pieno potenziale

Bene, ora siamo pronti finalmente per conoscere e sfruttare le seguenti 10 potenti tecniche pratiche che ti permetteranno di usare, influenzare e quindi controllare meglio la tua mente subconscia.

Te lo sei meritato!

1. La tecnica del contrattacco

mente subconscia e la tecnica del contrattacco

Una delle migliori pratiche per ridurre il dialogo interiore negativo è la tecnica del contrattacco.

Ogni volta che ti viene in mente un pensiero negativo, cerca di contrastarlo subito con uno “realisticamente positivo”.

Se hai ad esempio, una riunione davanti a persone importanti, dove magari devi fare la presentazione super importante, oppure se hai un esame orale da sostenere davanti ad altri studenti, il tuo pensiero negativo potrebbe essere qualcosa tipo: “Non ce la farò mai, sicuramente mi metterò in imbarazzo e si prenderanno gioco di me”.

A questo punto potresti sfruttare la tecnica per rispondere con qualcosa tipo: “Sono preparato, ho studiato, la mia presentazione/interrogazione sarà un successo. Farò del mio meglio per ottenere il massimo risultato.

Ecco questo pensiero è accettabile per la nostra mente, perché ha della logica, non stai dicendo cose impossibili che la mente (e tu stesso) rifiuterà categoricamente di credere.

Sono certo che questo video ti aiuterà a Riprogrammare con successo la tua mente per il pensiero positivo:

Distorsioni cognitive

Non ce la farò MAI“, fa parte di alcune pericoloso distorsioni cognitive con le quali interpretiamo la realtà.

Riconoscerle ci permette di intervenire dicendo ad esempio: “Mai? Ne sono davvero convinto? Non è che magari sto esagerando preso dall’emozione del momento?

Nel video qui di seguito ti presenterò le 7 distorsioni più comuni (e come neutralizzarle)!

2. La tecnica del pulsante CANCELLA

Un altro strumento potente per contrastare il dialogo interiore negativo è il pulsante CANCELLA

Quando riconosci un pensiero negativo entrare nella tua mente, immagina di premere un enorme pulsante rosso con scritto CANCELLA e, subito dopo il pensiero negativo esplode, oppure viene proiettato nello spazio a bordo di un razzo, oppure lo immagini scritto su un pezzo di carta che prende fuoco.

Insomma, dai libero sfogo alla tua fantasia e creatività.

3. La tecnica del “VINCI O MUORI PROVANDOCI”

Questa è una tecnica che lo stesso Tony Robbins promuove e sceglie (e consiglia) di sfruttare. Si tratta infatti di una tecnica davvero molto potente che ti porterà subito ad un giusto Mindset di crescita.

Immagina un gruppo di soldati che hanno come obiettivo quello di conquistare un’isola, per motivarsi e aumentare drasticamente le loro possibilità di successo, scelgono di eliminare ogni possibilità di fuga. Così decidono di bruciare le navi con le quali sono arrivate.

A questo punto hanno solo 2 scelte: “Vinci o Muori provandoci”.

In questo stato farai DAVVERO DI TUTTO per vincere, smetterai di Procrastinare, di trovare 1000 scuse per rimandare, o facendo qualcosa fuori dalla tua Comfort Zone.

Quando non hai alternative e si attiva la tua modalità di sopravvivenza, rimarrai sorpreso da quante opportunità inizierai a intravedere, da quanta energia hai a disposizione e da quante cose sei in grado di fare!

4. La tecnica delle piccole vittorie (o barra di avanzamento)

Questa tecnica viene spiegata in maniera approfondita nel libro “Piccole abitudini per grandi cambiamenti”, dove ti viene illustrata l’importanza di piccolissimi progressi COSTANTI!

Quindi, definisci piccole e ABBASTANZA FACILI azioni che puoi svolgere ogni giorno e che ti portino a provare una sensazione di vittoria, avvicinandoti anche al tuo obiettivo.

Ad esempio, se desideri metterti in forma, sei iscritto in palestra, ma non hai voglia di andare, convinciti che ci andrai lo stesso ma che ci starai SOLO 5 minuti! Superati quei 5 minuti probabilmente ti fermerai un’altra ora almeno, oppure se non lo desideri, hai comunque raggiunto l’obiettivo che ti sei prefissato, quindi puoi tornare a casa ugualmente vittorioso!

Annota i tuoi progressi, magari mettendo una bella X sul calendario!

5. La tecnica motivazionale

Nel paragrafo del desiderio ardente abbiamo visto come coltivarlo, ma cosa comporta questo tipo di desiderio? Una motivazione intrinseca.

Una motivazione estrinseca si basa sulla gratificazione che ottieni dai risultati, quindi la associ ad una condizione esterna che potrebbe deluderti, in quanto non è sotto il tuo pieno controllo.

Una motivazione intrinseca è quella fiamma che hai dentro quando fai qualcosa perché ti piace davvero. Se hai l’ardente desiderio di vincere una maratona, non importa che tempo faccia fuori, che ti piaccia o no tu ti infilerai quelle dannate scarpe e uscirai a correre (senza strafare, ma con un programma preciso da seguire), in modo da migliorare di volta in volta e arrivare preparato alla maratona.

Nei giorni che ti senti fiacco la tecnica motivazionale consiste nel ricercare magari i nostri idoli, i nostri modelli che vogliamo seguire ed emulare e goderci qualche loro video, magari uno motivazionale che ci ispiri.

Oppure leggere un libro positivo che ti avvicini a quello che desideri, ascoltare la tua musica preferita o fare qualsiasi cosa che possa incanalare e accrescere la tua energia.

In ogni caso, assicurati che l’ardente desiderio di raggiungere il tuo obiettivo faccia parte della tua quotidianità!

Dietro le quinte, il tuo subconscio sarà bombardato da pensieri sul tuo obiettivo, rafforzato dal desiderio ardente di raggiungerlo.

L’effetto finale non potrà essere diverso da quanto sai di poter ottenere.

6. La tecnica di Visualizzazione

visualizzazione e concentrazione di visione mente subconscia

Ricorda: tutto quello che possiamo immaginare lo possiamo creare.

Pensa a tutti quei libri che scritti magari un secolo fa (o anche solo 50 anni fa), sembravano puramente fantascientifici, mentre oggi per noi è la normalità.

Ad oggi, grazie ad Elon Musk, abbiamo davvero la concreta possibilità di diventare una specie interplanetaria

Non dovremmo evolvere anche nei nostri principi etici e morali per crescere spiritualmente?

Già, beh, nel mio piccolo spero di star contribuendo, ma ricordati che ognuno di noi è prezioso e fondamentale, ognuno di noi può fare la differenza! 😉

Per visualizzazione non intendiamo “solo” ricreare l’immagine nella tua mente, ma renderlo vivido e arricchito di tutti i tuoi 5 sensi, prestando attenzione alle tue sensazioni, ascoltando cosa dicono le persone attorno a te, odorando il profumo nell’aria e così via.

Devi avere fiducia nel risultato, viverlo al tempo presente “COME SE” fosse già realtà, credendo con ogni fibra del tuo essere che sia tutto vero!

Una delle tecniche più potenti che potrai mai imparare a padroneggiare è proprio quella di imparare a visualizzare la tua vita quando il tuo desiderio ardente si è tramutato in realtà.

Investi almeno 10 minuti al giorno (mattina e sera) per chiudere gli occhi e immaginare la tua vita DOPO aver raggiunto il tuo obiettivo. 

Rendilo il più vivido possibile:

  • Cosa indossi?
  • Come ti comporti?
  • Come ti senti?
  • Che dici?
  • Cosa fai?

Sulla visualizzazione ti consiglio alcuni articoli che troverai particolarmente interessanti:

Inoltre guardati il video dedicato totalmente alla visualizzazione, con le ricerche scientifiche svolte e un esempio di come eseguirla.

7. La tecnica di preparazione fisica

Un altro strumento è la preparazione fisica. 

Per credere di essere al TOP, devi apparire come se già lo fossi. 

In inglese dicono “Fake it till you make it” (Fingi fino a quando non lo ottieni).

Se vuoi essere famoso, inizia a curare ORA il tuo aspetto, il tuo fisico, la tua igiene personale. 

Anche per uscire fuori a buttare l’immondizia, cerca sempre di essere pronto per cogliere al volo qualsiasi opportunità si possa presentare!

8. La tecnica del distacco

I buddisti sanno che la vita è sofferenza e uno dei modi per evitarla è quello di praticare il non-attaccamento.

Io ti consiglio di sviluppare un Mindset di autostima, abbracciare la tua vulnerabilità e concederti il lusso di essere imperfetto…

Provando E Sbagliando!!!

Il vero fallimento infatti non è cadere, ma non averci neanche provato.

Puoi sempre trovare la forza necessaria per rialzarti più forte che mai, imparando dai tuoi errori e (come per i muscoli in palestra) rafforzare i tuoi muscoli mentali e spirituali.

Nell’arte giapponese il kintsugi è un modo eccezionale per valorizzare le “cicatrici”, divenendo un simbolo di vera resilienza.

Non attaccarti quindi ai risultati, espandi la tua mente, allarga i tuoi orizzonti e accetta quanto ti verrà presentato. 

Punta all’eccellenza, non alla perfezione, continuando a migliorare costantemente!

9. La tecnica del mantra

Una delle tecniche più potenti è la tecnica del mantra

L’essenza di questa semplice, ma potente tecnica è RIPETERE nella tua mente (o ad alta voce) un mantra positivo che ti aiuterà a superare una difficoltà o una paura.

Più lo ripeti, più forte ci crederai e maggiore sarà fiducia che riporrai nelle tue parole e quindi, migliore sarà il risultato.

Potrà essere anche un obiettivo che desideri raggiungere.

Se fosse un hashtag, come sarebbe?

#guadagnare5000euroalmese #raggiungerepesoforma #accettarmicompletamenteamandomi

Secondo molti studi scientifici una delle principali cause di malattia è… l’ipocondria.

Questa è l’arte di convincerti che sei malato.

Questo è un potente mantra di autosuggestione alimentato da emozioni negative come la paura.

Il contrario è l’effetto placebo, dove ti autosuggestioni a un punto tale che (scientificamente) il tuo corpo risponde come se stessi assumendo davvero un particolare prodotto.

Noi siamo il risultato delle nostre convinzioni.

Quindi, possiamo sfruttare l’ipocondria al contrario e autosuggestionarci per convincere la mente anche sei sano, felice, di bell’aspetto e mentalmente forte.

10. La tecnica di leggere ad alta voce i tuoi desideri

In precedenza, hai ricevuto istruzioni per fissare un obiettivo preciso per la tua vita. Ora, assicurati di annotare quell’obiettivo e rafforzalo con il desiderio di raggiungerlo. 

Leggi il tuo obiettivo ad alta voce dopo esserti svegliato e prima di andare a dormire e più volte al giorno. 

Visualizza te stesso, già in possesso del tuo desiderio.

È già successo, è la tua realtà.

Aggiungi PATHOS ed emozione nella lettura ad alta voce e continua a ripetere i tuoi obiettivi ad alta voce. 

Sii fedele al risultato.

Cosa sei disposto a dare in cambio di quel risultato?

Ricorda che c’è sempre un prezzo da pagare per poter influenzare il tuo subconscio.

Quel prezzo potrebbe essere la perseveranza. Devi continuare a fare i passaggi per l’autosuggestione, devi continuare a ripetere i tuoi obiettivi ad alta voce e devi continuare ad avere fiducia nel risultato finale.

La differenza tra chi ha successo e chi fallisce potrebbe essere solo di pochi giorni. Oppure potrebbe essere la disponibilità di un piano di riserva.

Darwin sosteneva che non è il più forte o il più intelligente a sopravvivere, ma chi si adatta meglio! 

Chi dice sempre: “Nel caso non avessi successo, farò questo e quello” farà sempre questo e quello.

La loro è una mentalità di crescita e di successo, pensando sempre a nuove alternative, trovando sempre nuove occasioni.

Esercizio (BONUS) pratico per la tua mente subconscia

Tom Hopkins ci consiglia ogni sera di scrivere le 6 cose più importanti da svolgere nella giornata di domani.

Alcuni studi sembrano confermare che la scrittura (su carta, a mano) ha un profondo impatto sulla nostra mente, quindi possiamo sfruttare questo principio per influenzarci meglio.

Il fatto di svolgerlo la sera non è un caso, infatti la sera e il mattino sono i 2 momenti della giornata in cui il confine tra conscio e subconscio si fa più sottile, quindi possiamo influenzarlo più facilmente.

Questo avviene perché entriamo naturalmente nello stato mentale Alpha.

“Ogni sera, scrivi le sei cose più importanti che devi fare il giorno successivo. Poi mentre dormi il tuo subconscio lavorerà sul modo migliore per realizzarle. Il giorno dopo andrà tutto molto più liscio.”

-Tom Hopkins

La mente subconscia

La mente subconscia è una delle armi più potenti che hai nel tuo arsenale. Potrebbe essere la differenza tra cogliere o perdere un’opportunità unica e irripetibile. 

Il subconscio è l’ingrediente segreto che ti permetterà di vivere una vita all’insegna dell’abbondanza, per una vita felice e appagante.

La scelta è tua: tu sei l’unico autore del tuo DESTINO!

L’autosuggestione e la pratica di tutte le tecniche che trovi qui, è il modo per introdurre idee e pensieri dalla tua mente conscia alla tua mente subconscia.

Usando queste abilità puoi influenzare il tuo subconscio a cooperare per raggiungere insieme gli obiettivi che sono importanti per te. 

Padroneggiarlo, o quanto meno iniziare ad influenzarlo, può portare ad un cambiamento radicale nella tua vita, all’insegna del successo e alla realizzazione di tutti i tuoi sogni.

Basta teoria, tutto quello che devi fare è AGIRE

Fai la tua mossa e avvicinati a ciò che desideri.

Scrivimi nei commenti la tua esperienza e i tuoi pensieri in merito!

“Tutto l’universo cospira affinché chi lo desidera con tutto se stesso possa riuscire a realizzare i propri sogni.”

(Paulo Coelho – L’Alchimista, 1995)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Lascia un commento

Articoli correlati

Articoli popolari