I 7 passi del Risveglio Spirituale

Non c’è niente da fare, quando parliamo di Crescita Personale non possiamo più ignorare la nostra Crescita Spirituale.

Quando si parla di Risveglio Spirituale?

Parliamo di Risveglio Spirituale e quindi “Risveglio dello Spirito”, quando poniamo la nostra attenzione sull’aspetto spirituale della nostra esistenza, ovvero quando cominciamo a porci domande potenti e importanti, come: “Perché esisto? Qual è il mio scopo, la mia Missione?”.

Quando soddisfiamo i nostri bisogni primari e sociali nella piramide di Maslow, per arrivare alla cima dobbiamo spostare la nostra attenzione su noi stessi, scavare a fondo per conoscersi, comprendersi, accettarsi e migliorarsi ogni giorno motivati da un fuoco dentro, un obiettivo intelligente che dona importanza e significato alla nostra esistenza.

Ecco, in questo articolo desidero presentarti quelli che sono, secondo la mia esperienza, i 7 passi del Risveglio Spirituale!

Tabella dei Contenuti

#1 - Consapevolezza di imperfezione

#1 - Consapevolezza di imperfezione

Lo strumento più importante quando parliamo di crescita personale e spirituale, è e sarà sempre quello della Consapevolezza di sé

Ricorda sempre che sviluppare consapevolezza è sempre un atto di guarigione.

Imparare a scavare dentro di sé, a riconoscere i propri limiti, i propri difetti, è il primo passo per accoglierli e accettarli.

Il 1 passo è quindi: Ammettere la propria imperfezione.

Non c’è niente di male in questo, nessuno è perfetto. E anzi, è proprio l’imperfezione che ci porta ad essere unici e irripetibili

L’errore è un grande maestro di vita, che ci permette di imparare molto, di crescere e di migliorarci ogni singolo giorno!

Non aver paura di sbagliare, osa di più, scopri te stesso.

Non devi piacere agli altri, non devi essere accettato dagli altri, sii te stesso, una creatura di luce!

Ammetti la tua imperfezione e amati e accettati così come sei, perché questo è solo l’inizio dello straordinario percorso che ti attende.

#2 - Uno è Tutto e Tutto è Uno

#2 - Uno è Tutto e Tutto è Uno

Questo, personalmente, è un concetto che mi ha davvero aiutato molto ad aprire gli occhi e ad espandere i confini della mia mente.

Noi siamo portati a notare le differenze in qualsiasi cosa. Cataloghiamo ed etichettiamo sempre: specie, colori, fiori, piante, animali, insetti, stelle, rocce… QUALSIASI COSA

Tuttavia, quante volte ci fermiamo un secondo a riflettere in cosa poi siamo così diversi?

A livello microscopico non siamo forse fatti tutti di atomi che si muovono e vibrano a diverse frequenze?

Tutto è energia e questo è tutto quello che esiste. Sintonizzati alla frequenza della realtà che desideri e non potrai fare a meno di ottenere quella realtà. Non c’è altra via. Questa non è Filosofia, questa è Fisica.

Albert Einstein

Noi tutti siamo energia.

Questo secondo passo è parte delle 7 Leggi Universali o principi Ermetici tramandate da Ermete Trismegisto.

E indovina a cosa è tutto collegato?

Alla Legge di Attrazione.

Certo, potresti non crederci e la tua vita continuerebbe come prima, ma se le dessi una possibilità e la tua vita si trasformasse?

Perché non provare? Cos’hai da perderci?

Per aiutarti e darti strumenti pratici, a prezzi più che accessibili a quante più persone, ho deciso di trascrivere tutta la mia conoscenza in materia e la mia esperienza personale nel mio libro: La Rivelazione!

Passo 2: Riconoscere di essere Uno con un potere Superiore.

#3 - Tu sei il solo Responsabile di te stesso

#3 - Tu sei il solo Responsabile di te stesso

Il terzo passo del Risveglio Spirituale è tra i più importanti, ma anche tra i più difficili da realizzare.

Tendiamo a incolpare chiunque: genitori, società, ambiente, amici, la vita, Dio, la crisi e qualsiasi cosa/persona/essere ci venga comodo per non ammettere che, in fondo, se non stiamo vivendo la vita che desideriamo è soprattutto colpa nostra.

Qual è il tuo Mindset?

Sei la persona che di fronte ai problemi trova una scusa per arrendersi, oppure che riesce a scorgere le opportunità?

Questo semplice scambio di prospettiva fa tutta la differenza.

Quando smettiamo di interpretare il ruolo di vittime, di lamentarci o di criticare gli altri e sfruttiamo il nostro tempo e le nostre risorse per risollevarci, allora tutto può davvero cambiare.

Riconoscere e ammettere che siamo noi e solo noi gli unici AUTORI della nostra vita, allora puoi SCEGLIERE di rimboccarti le maniche e di reagire in maniera diversa agli eventi della vita, alle difficoltà, trasformando i problemi in sfide e quindi, in opportunità.

Non abbiamo controllo su quello che la vita ci riserva, ma abbiamo il pieno controllo su come scegliamo di REAGIRE!

Tu e nessun altro!

TU decidi di essere felice!

TU decidi di essere triste!

E sempre TU decidi di rialzarti più forte, di provare nuove strade, o di arrenderti!

Tu e nessun altro!

Nel libro La Rivelazione ti spiego e ti insegno proprio a diventare l’unico autore della tua vita! A riprenderla in mano e trasformarla completamente!

Piccolo EXTRA: accettare la responsabilità di se stessi, della propria vita e della propria felicità, è un ingrediente importantissimo per la ricetta della tua AUTOSTIMA AL 100%.

Nel mio corso eBook ricco di Bonus ti accompagno per gradi e livelli, attraverso esercizi pratici, guide e concetti illuminanti scientifici, ad accrescere passo dopo passo la tua Autostima.

Investi oggi su te stesso, perché saranno cose che ti aiuteranno in molteplici aspetti della tua vita e resteranno tuoi per sempre!

Aumenta la tua Autostima da 0 a 100 in meno di 30 giorni!

Passo 3: Riconoscere che siamo i soli responsabili di noi stessi.

#4 - Impara a Perdonare

#4 - Impara a Perdonare

Quando si parla di perdono, il 99% delle persone si trova a dire che, chi ha fatto il torto, non merita il perdono. 

E lo capisco benissimo, credimi

Ma cosa significa davvero perdonare?

Come ti spiego nel mio articolo: “Come perdonare aiuta a purificarti”, in realtà il perdono è un gesto d’amore che fai nei TUOI confronti.

Non significa passare sopra al torto subito e fare finta che non sia successo niente, assolutamente no.

Se qualcuno commette un crimine è giusto che venga punito e anche severamente, ma non spetta a noi e soprattutto non devi permettere che la rabbia e la sete di vendetta diventino il tuo “VELENO QUOTIDIANO”.

Esatto, perché se ci pensi sarai sempre tu che, giorno dopo giorno, starai lì a roderti il fegato e ad immaginare come fargliela pagare, come vendicarti o ad inveire, insultare, attirando ogni giorno una tremenda energia negativa, un vero e proprio veleno per il tuo corpo e la tua anima che alla fine, ti consumeranno.

Per capire meglio cosa intendo, permettimi di condividere con te alcuni Frasi di Buddha sul perdono.

12 Frasi Belle e Potenti di Buddha sul Perdono

12 Frasi Belle e Potenti di Buddha sul Perdono
  • Perdona gli altri, non perché meritano il perdono, ma perché TU meriti la pace.
  • L’odio non cessa con l’odio, in nessun tempo; l’odio cessa con l’amore: questa è la legge eterna.
  • Abbi compassione per tutti, ricchi e poveri allo stesso modo; ognuno ha la sua sofferenza. Alcuni soffrono troppo, altri troppo poco.
  • Ricordare un torto subito è come portare un peso nella mente.
  • Nel momento in cui proviamo della rabbia, abbiamo già smesso di lottare per la verità e abbiamo iniziato a lottare soltanto per noi stessi.
  • Nella divisione c’è la più grande sofferenza del mondo; nella compassione si trova la vera forza del mondo.
  • Se tu sapessi ciò che la tua rabbia ti sta facendo, fuggiresti da lei come dal peggior veleno.
  • Non sarai punito per la tua rabbia, sarai punito dalla tua rabbia.
  • Con la violenza puoi risolvere un problema, ma pianti i semi per un altro.
  • Aggrapparsi alla rabbia è come afferrare un carbone ardente con l’intento di gettarlo a qualcun altro; sei sempre e solo tu quello che rimane bruciato.
  • Insegna a tutti questa triplice verità: un cuore generoso, un discorso gentile e una vita di servizio e compassione sono le cose che rinnovano l’umanità.
  • La pace viene da dentro. Non cercarla al di fuori da te.

Passo 4: Chiedere perdono e perdonare. Sviluppando compassione ed empatia, riconoscendo che anche se sembravo la vittima, il mio comportamento ha arrecato danni ad altri, a cui mi impegno in maniera sacra di fare ammenda.

#5 - Miglioramento dell’1%

#5 - Miglioramento dell’1%

Se hai familiarità con le Abitudini e il libro: “Piccole abitudini per grandi cambiamenti”, conosci già il fattore dell’1%.

Un miglioramento costante, anche solo dell’1% può fare la differenza sotto ogni aspetto della tua vita, in quanto questo si trasformerà, dopo un po’ di tempo, in un incremento esponenziale, che si impenna quindi, in maniera significativa verso l’alto in poco tempo, superata una certa “soglia temporale”.

Puoi provare a migliorare la tua vita “disinstallando” le cattive abitudini che adesso guidano in un certo senso la tua esistenza, per “installarne” altri più positive e salutari che ti aiuteranno a vivere una vita più felice e senza stress. 

Io ti consiglio queste 23 abitudini per cambiare la tua vita.

Passo 5: Migliorare un passo alla volta, non si eliminano tutti i difetti in una volta, ma con un lavoro lento e costante.

#6 - Il Resoconto Quotidiano (Esercizio Pratico)

#6 - Il Resoconto Quotidiano (Esercizio Pratico)

Il primo passo è stato quello che ci ha permesso di presentare il più potente strumento che abbiamo: la consapevolezza!

Come continuare a svilupparla?

Prendi la sana abitudine di tenere un diario!

Ogni sera, cerca di scrivere un resoconto della giornata in cui annoti tutti i tuoi successi e tutti gli errori della giornata.

Per i successi, impara ad esprimere Gratitudine.

Per gli errori e/o i fallimenti devi fare 2 cose:

  1. Indagare dentro di te sui tuoi pensieri, sulle tue emozioni, le conseguenze e via dicendo.
  2. Creare una versione alternativa, ovvero, scrivi come avresti voluto gestire le cose. Cosa avresti potuto fare di diverso per gestire meglio la situazione? Come ti impegnerai a farlo la prossima volta che accadrà?

Infine, scrivi 1 cosa nuova che hai imparato, ogni singolo giorno! 😉

Passo 6: Segnare il resoconto giornaliero dei successi e degli errori, specificando come si sarebbero voluti gestire. Ripromettendosi di fare meglio quando si presenterà la giusta occasione.

#7 - Diffondi positività e altruismo

#7 - Diffondi positività e altruismo

Una delle frasi che guida la mia vita e che mi ha maggiormente ispirato è proprio quella di Mahatma Gandhi:Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”.

Non aspettare che siano gli altri a fare il primo passo.

Non aspettare che le cose cambino da sole.

Anche se da soli siamo una goccia nell’oceano, non bisogna mai dimenticare che anche la più piccola goccia è capace di scavare la roccia.

Ogni goccia è preziosa e può fare la differenza.

Più saremo e più le nostre azioni potranno avere un impatto positivo su tutto il mondo.

Richiedi l’iscrizione al nostro gruppo privato e diventa oggi stesso un Esploratore o una Esploratrice, capace di cambiare il mondo attorno a sé, cominciando a cambiare se stesso/a!

Tutto ha inizio da dentro di noi, SEMPRE!

Questo ultimo passo te lo lancio un po’ come una sfida, ogni giorno cerca di ricordarlo e di metterlo in pratica.

Basta poco, ma fallo!

A piccoli passi, non sottovalutare le piccole azioni, le piccole abitudini quotidiane, perché sono proprio quelle a innescare i più grandi cambiamenti nella nostra vita.

Passo 7: Coltivare e diffondere l’altruismo, aiutando senza aspettarsi nulla in cambio, agendo con amore genuino. Coltivando speranza, abbandonando i pregiudizi e le critiche, intravedendo sempre il meglio in ciascuno.

I 7 passi del Risveglio Spirituale

I 7 passi del Risveglio Spirituale
  1. Ammettere la propria imperfezione.
  2. Riconoscere di essere Uno con un potere Superiore.
  3. Riconoscere che siamo i soli responsabili di noi stessi.
  4. Chiedere perdono e perdonare. Sviluppando compassione ed empatia, riconoscendo che anche se sembravo la vittima, il mio comportamento ha arrecato danni ad altri, a cui mi impegno in maniera sacra di fare ammenda.
  5. Migliorare un passo alla volta, non si eliminano tutti i difetti in una volta, ma con un lavoro lento e costante.
  6. Segnare il resoconto giornaliero dei successi e degli errori, specificando come si sarebbero voluti gestire. Ripromettendosi di fare meglio quando si presenterà la giusta occasione.
  7. Coltivare e diffondere l’altruismo, aiutando senza aspettarsi nulla in cambio, agendo con amore genuino. Coltivando speranza, abbandonando i pregiudizi e le critiche, intravedendo sempre il meglio in ciascuno.

Letture e testi consigliati

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su tumblr
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Lascia un commento

Articoli correlati

Articoli popolari