Come trovare sempre nuove Idee sviluppando la Creatività
  • Post author:
  • Post category:Successo

Da dove nascono le idee che ci portano al successo? Cos’è davvero la creatività e come si può sviluppare? Non è troppo tardi? No, ti assicuro che a termine di questo articolo troverai un sacco di strategie molto utili per coltivarla anche tu fin da ora! Ma come è legata la creatività al successo? Perché potrebbe essere questo l’ingrediente segreto?

Leggendo interamente questo articolo scoprirai come trovare sempre nuove idee sviluppando la tua creatività!

Grandi menti parlano di idee, menti mediocri parlano di fatti, menti piccole parlano di persone.

Eleanor Roosevelt

Attenzione! 

Prima di iniziare con l’articolo ti chiedo di dedicarmi, ora, un secondo del tuo prezioso tempo. Se vedi il Box qui sotto, ti chiedo solo di lasciarmi un “Mi Piace“. Questo mi aiuterà a crescere e a produrre materiale sempre di maggior qualità per un numero superiore di persone! Te ne sono Grato! 

Le Idee rivoluzionano il Mondo

Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.

Albert Einstein

Mi piace davvero un sacco questa frase di Albert Einstein, in quanto rende evidente come nella realtà gli unici “limiti” che abbiamo, sono quelli che ci impostiamo noi stessi nella nostra mente!

(Se vuoi scoprire altri pensieri di Einstein sulla Crescita Personale, clicca sul link azzurro)

Da un’idea può rivoluzionarsi tutto il Mondo, un esempio, pensate a come sarebbe oggi se qualcuno (Steve Jobs) non avesse creato lo smartphone. Certo, non tutte le creazioni possono essere un bene, pensa ad esempio alla bomba atomica, tuttavia l’energia nucleare invece, può essere usata per migliorare la nostra vita. Ogni “strumento“, ogni cosa, come ad esempio i soldi, possono essere usati a fin di bene, essi sono dei mezzi, cambia il modo in cui vengono utilizzati, ma questo è un altro discorso. 

Il mondo non è stato creato una volta, ma tutte le volte che è sopravvenuto un artista originale.

Marcel Proust

Tutto questo serve per spiegare come una singola idea possa avere un impatto enorme a livello globale. Inoltre, le idee sono immortali:

Un uomo può morire, le nazioni possono sorgere e cadere. Ma un’idea sopravvive.

John Fitzgerald Kennedy

Cos'è la Creatività?

Vorrei citarti qui di seguito la definizione che dà il vocabolario della Treccani al termine creatività:

Virtù creativa, capacità di creare con l’intelletto, con la fantasia. In psicologia, il termine è stato assunto a indicare un processo di dinamica intellettuale che ha come fattori caratterizzanti: particolare sensibilità ai problemi, capacità di produrre idee, originalità nell’ideare, capacità di sintesi e di analisi, capacità di definire e strutturare in modo nuovo le proprie esperienze e conoscenze.

La creatività, quindi, rappresenta la nostra capacità di produrre idee, nuove e originali. È una qualità che abbiamo tutti, specialmente quando da bambini utilizzavamo molto la nostra fantasia per giocare. Tuttavia, crescendo, questa nostra caratteristica di pensiero ha cominciato ad “atrofizzarsi“. Con l’avanzare dell’età viviamo sempre di più nella nostra routine, indaffarati, sempre di corsa e con sempre più alti livelli di stress da gestire e sopportare. Non siamo più in grado di “sorprenderci positivamente” con le piccole gioie della vita, non le riconosciamo, o le diamo per scontate, dimenticandoci di esprimere gratitudine.

La creatività è un modo di essere: è curiosità senza conformismo, è il non accontentarsi mai della prima risposta o di una sola risposta. È soprattutto la capacità di porsi continuamente domande…

Piero Angela

Da bambini eravamo un concentrato di meraviglia e curiosità per ogni cosa che vedevamo, potevamo magari incantarci davanti ad un albero, osservando la corteccia, le foglie, i suoi colori che cambiavano col passare delle stagioni e dopo, inventarci una storia in cui bisognava ad esempio arrampicarsi per nascondersi dai “pirati cattivi” che ci cercavano. Non avevamo limiti! Tutto era possibile!

L’immaginazione è l’inizio della creazione. Le persone immaginano quello che desiderano, poi vogliono quello che immaginano e, alla fine, creano quello che vogliono.

George Bernard Shaw

La creatività nel business

Creatività significa semplicemente collegare cose. Quando chiedi a persone creative come hanno fatto qualcosa, si sentono quasi in colpa perché non l’hanno fatto realmente, hanno solo visto qualcosa e, dopo un po’, tutto gli è sembrato chiaro. Questo perché sono stati capaci di collegare le esperienze vissute e sintetizzarle in nuove cose.

Steve Jobs

Soprattutto in ambito lavorativo, bisogna avere creatività per poter stare sul mercato. Dato che con la competizione diventa sempre più difficile e “costosa“, tuttavia si può sempre trovare la propria rivoluzione grazie all’originalità. Chi inventa qualcosa di completamente nuovo probabilmente è un genio visionario, sono casi rari che non vedono quello che vediamo noi “comuni mortali“.

Tuttavia, ognuno di noi può creare qualcosa di nuovo usando la propria esperienza. Sono in molti infatti, coloro che prendono “spunto” dalla propria esperienza per combinare insieme vecchie informazioni creandone di nuove. Prendono ispirazioni da qualcosa di già esistente e lo rielaborano trovando nuove “combinazioni” con altre cose alle quali nessuno aveva ancora pensato.

Potremmo vederci un po’ tutti come degli alchimisti che cercano di ottenere un risultato provando a combinare tante cose, apparentemente, non correlate tra di loro. Ovviamente non ti sto suggerendo di tirare su un laboratorio e diventare un vero alchimista (a meno che tu non lo voglia!), quello a cui mi riferisco è di cominciare a divertirtigiocandomentalmente. Ecco di seguito un piccolo esercizio che puoi fare già ora:

  • Chiudi gli occhi e fai qualche respiro profondo cercando di calmare e liberare la tua mente
  • Riapri gli occhi e osserva i primi 2 oggetti che ti trovi di fronte (io ad esempio vedo una penna e un paio di occhiali)
  • Immagina mentalmente di combinare questi due oggetti per creare qualcosa di nuovo (magari potrei inventare degli occhiali le cui stanghette siano in realtà delle penne)

Hei, forse dovrei brevettarlo?! Chissà, in ogni caso credo che tu abbia capito quello che intendo. Non aver paura di “fallire“, perché è tutto nella tua testa, quindi esagera, prova a creare qualcosa di folle e di assurdo, non limitare la tua fantasia.

Questo esercizio serve proprio per allenare la nostra capacità di pensiero laterale in modo da sviluppare la nostra creatività, divertendoci!

Un ammasso di roccia cessa di essere un mucchio di roccia nel momento in cui un solo uomo la contempla immaginandola, al suo interno, come una cattedrale.

Antoine de Saint-Exupéry

I due emisferi del nostro cervello nel processo creativo

Come sai, il nostro cervello è composto da due emisferi, perfettamente identici tra di loro, ma che svolgono attività completamenti differenti. Ci sono stati numerosi sviluppi negli studi neuroscientifici, tuttavia ancora oggi non comprendiamo appieno il potenziale del nostro cervello!

L’emisfero sinistro viene considerato responsabile dei nostri processi logici e razionali. Questo è il nostro emisfero più “scientifico“, che si occupa anche del linguaggio e del calcolo matematico esatto.

L’emisfero destro, al contrario, è quello più legato alla nostra “vena artistica“, ai sentimenti, alla capacità di empatia, all’istinto e così via.

Come avrai già sentito dire più e più volte: “l’unione fa la forza“. Soprattutto in questo caso! Infatti, le persone considerate generalmente “più intelligenti” riescono a sfruttare una sinergia tra i due emisferi, ottenendo così soluzioni brillanti sia dal punto di vista creativo che da quello tecnico.

Mettete a profitto tutti i pensieri, tutti i fatti, che vi vengono in mente. Fateli lavorare e produrre per voi. Pensate alle cose non come sono, ma come potrebbero essere. Non limitatevi a sognare: siate creativi!

Robert Collier

Nel processo creativo il nostro emisfero sinistro si occupa di accumulare e catalogare le informazioni, analizzandole. L’emisfero destro raccoglie queste informazioni e comincia a collegarle con altre, sviluppando idee e nuove intuizioni.

Spesso associamo il termine “genio” con qualcuno che è folle, completamente fuori dalle regole. In effetti a queste persone piace uscire dagli schemi razionali, ma con metodo. Non è un caso se Pablo Picasso era solito consigliare: “impara le regole come un professionista, in modo da poterle infrangere come un artista“.

Non soffocare la tua ispirazione e la tua immaginazione, non diventare lo schiavo del tuo modello.

Vincent van Gogh

Come sviluppare la creatività

Un aspetto essenziale della creatività è non avere paura di fallire.

Edwin Land

Come ti ho detto precedentemente, non devi aver paura di “fallire“, perché nella creatività non esiste un giusto o un sbagliato, bisogna usare entrambi gli emisferi per trovare il giusto equilibrio tra folle e razionale

Come vai in palestra e segui un programma costante di allenamenti per scolpire il tuo fisico, così bisogna fare con la nostra mente. Possiamo praticare costantemente degli esercizi che possano stimolare e rinforzare il nostro pensiero creativo.

Tranquillo, è meno faticoso della palestra e molto, ma molto più divertente!

Identifica il vero problema

Per questa strategia bisogna prendere di nuovo come nostro riferimento i bambini. Lasciamoci ispirare dalla loro ingenuità e cerchiamo di risalire alla radice del problema continuando a porci sempre più domande, focalizzando la nostra attenzione su qualcosa di sempre più mirato

Quindi, prendi una penna e un pezzo di carta e annota le risposte che ti dai.

Per fare in modo che il nostro cervello lavori al meglio, come hai letto precedentemente, i nostri emisferi devono creare sinergia, cooperando per la soluzione del problema. Ecco un ottimo consiglio: quando stai pensando alla risposta, prova fare scarabocchi sul foglio con la mano che normalmente non usi, in questo modo l’altro emisfero dovrà per forza di cose reagire e potresti cogliere le intuizioni che nasceranno nella tua mente.

Sfrutta la distrazione e il riposo

Alcuni dei più grandi “lampi di genio“, avvengono quando meno ce lo aspettiamo. Perché? La risposta la possiamo ottenere se parliamo di subconscio. Esso è la nostra mente abitudinaria, una specie di seconda mente “multitasking” che porta a termine tutte le funzioni di “routine“, ad esempio, del nostro corpo, come: respirare, camminare e così via; infatti non deve intervenire la tua mente conscia per respirare, o per camminare a meno che non sia tu che lo voglia, ad esempio ricorrendo alla Meditazione, ma per la maggior parte del tempo saranno funzioni automatiche che la tua mente eseguirà ugualmente, sia che tu ci pensi che no. (Per fortuna!)

Bene, compreso questo, ti farà piacere sapere che essa comunica con noi quando siamo in uno stato di completo relax, ad esempio quando dormiamo. Impara dunque ad “ascoltare” quello che i tuoi sogni hanno da dirti, probabilmente le tue soluzioni e le tue idee si nascondono lì!

(Conosci Carl Gustav Jung?)

In ogni caso, quando ti concentri troppo sul problema, spendendo troppe energie, la cosa migliore è recuperarle facendo qualcos’altro. Il nostro subconscio sarà sempre operativo e lavorerà per noi. Quindi, fai una bella pausa, dedicati all’esercizio fisico, come ad esempio una bella e sana camminata. Fai le tue commissioni e poi ritorna a mente “fresca” sul tuo problema, noterai che probabilmente stavi cercando nel posto sbagliato, vedrai magari le cose da un punto di vista diverso che ti porteranno a nuove intuizioni da cogliere! (Già, il subconscio comunica con noi anche con le intuizioni, ma spesso decidiamo di ignorarle!)

La tecnica del "Brainstorming"

In italiano potremo tradurlo come “assalto mentale” o “tempesta di cervelli“. Questa tecnica creativa viene sempre più adottata in ambito lavorativo, anzi si può dire che ormai la sfruttano praticamente tutti, per qualsiasi cosa, per la sua enorme efficacia e potenza. Si può fare anche da soli, ma in un gruppo di persone si possono ottenere molti più risultati in quanto diversi cervelli possono esprimere diversi punti di vista.

In cosa consiste la tecnica?

Quando si ha un problema da risolvere o un obiettivo da raggiungere si organizza questo brainstorming in cui, generalmente, più persone si riuniscono e, a turno, cominciano ad esprimere tutte le idee che gli passano per la testa. In questo caso la quantità è meglio della qualità, in quanto bisogna esprimere velocemente tutte le proprie idee andando per associazioni, fino a trovare le risposte che cerchiamo, combinandole e creando un senso nuovo.

Un esempio reale: la parola “Mente“, mi richiama “Spazio“, lo spazio è immenso e inesplorato, come la nostra mente, quindi penso ad “Esplorare“, questa esplorazione è un “Avventura” magari di un “Astronauta” con la missione di sondare e “Conquistare” i nostri limiti, spingendosi “Oltre i confini“, si continua così e viene fuori il progetto “EsplorativaMente“.

I 3 Mentori

Se la tecnica del “Brainstorming” ti è piaciuta, scommetto che impazzirai per questa! Sicuramente conosci Walt Disney, esatto proprio il creatore di tutto l’impero Disney! A quanto pare, anche lui sfruttava questa tecnica, anche se in maniera leggermente diversa. Egli infatti, quando cercava di creare nuove idee era solito ad elaborarle all’interno di 3 uffici diversi. Ogni ufficio aveva uno scopo preciso, in ognuno di essi, Walt si immedesimava completamente in una persona sempre diversa. Per aiutarsi in questa immedesimazione arredava diversamente anche gli stessi uffici.

Il primo avevo uno stile molto “minimalista” e qui dentro dava libero sfogo alla sua fantasia, toglieva ogni freno inibitorio e lasciava spazio alla sua immaginazione.

Nel secondo l’arredamento era quello “classico“, da tipico ufficio. Qui il suo personaggio era quello di peggior critico del mondo, in cui esaminava le idee partorite nel primo ufficio e le criticava aspramente.

Lo stile del terzo ufficio era “moderno“, sia da un punto di vista di colori che di arredamento. Qui doveva conciliare le due parti degli uffici precedenti, cercando di trovare una soluzione che accontentasse entrambi.

Ecco, ora non ti dico che anche tu devi avere 3 uffici così diversi. Quello che voglio evidenziare di questa storia è come possiamo ottenere diversi punti di vista su un argomento per trovare una soluzione specifica e originale.

Ecco quindi la tecnica dei 3 mentori: devi trovare 3 persone che ti faranno, appunto, da “Mentori“, quindi ai quali esporrai le tue idee e loro ti consiglieranno fornendoti diversi punti di vista. Ricalcando i 3 uffici, dovranno essere 3 personaggi completamente differenti tra di loro. Non importa che siano “reali” o personaggi fittizi, come quelli letterari

Il primo personaggio sarà qualcuno a cui piace “spingerci oltre il limite“, qualcuno di non convenzionale che trova sempre una sua interpretazione originale​.

Il secondo personaggio invece sarà il suo opposto che troverà tutte le falle, mettendo in risalto tutti i pericoli, anche esagerandoli.

Il nostro terzo mentore sarà una persona per cui nutriamo un profondo rispetto e che per noi sia dotato di grande saggezza e intelligenza.

Quello che dovrai fare tu sarà stare, mentalmente, con questi tuoi personaggi cercando di imitarli, mettendoti nei loro panni, cercando di vedere le cose sotto il loro punto di vista. Parti dal primo in cui dai libero sfogo alla fantasia, prosegui al secondo dove imponi grossi freni e trovi tutte le problematiche e giungi al terzo per definire un equilibrio.

E soprattutto… Divertiti!

Consigli per la Creatività

Ci sono pittori che dipingono il sole come una macchia gialla, ma ce ne sono altri che, grazie alla loro arte e intelligenza, trasformano una macchia gialla nel sole.

Pablo Picasso

  • Sii sempre te stesso, ricerca la tua originalità, trova il coraggio per essere differente e distinguerti dalla massa
  • Amplia la tua conoscenza, viaggia, visita luoghi nuovi, conosci nuove culture, allarga i tuoi orizzonti
  • Mangia a sufficienza e bevi di più, infatti quando sei disidratato si riducono le tue connessioni cerebrali, inoltre l’acqua allontana la stanchezza
  • Dormi. Assicurati di riposare sempre a sufficienza e prenditi pause per staccare la mente quando senti che serve. Lavorare a mente fresca ti rende più produttivo
  • Abbraccia il “multitasking”. Le creazioni migliori avvengono quando mischiamo insieme cose che apparentemente non sembrano affatto collegate fino a quando non creiamo qualcosa di nuovo. Quindi il multitasking è da intendersi come avere tanti hobby, fare cose diverse, coltivare nuove passioni. Ma quando bisogna concentrarsi sul lavoro dobbiamo imparare a focalizzare la nostra attenzione, abbandonando il multitasking 
  • Fai esercizio fisico, questo ti aiuterà a scaricare la tensione che accumuli, aiutandoti a liberare la tua mente e facendola lavorare meglio per te. Anche dedicare del tempo a lunghe camminate può aiutarti e può essere considerato esercizio fisico, soprattutto se fatte nella natura.

La creatività è più importante della conoscenza. La conoscenza è limitata, mentre la creatività abbraccia il mondo stimolando il progresso e dando impulso al futuro.

Albert Einstein

Concludendo

La creatività è senza dubbio la risorsa umana più importante. Senza creatività non ci sarebbe progresso e ripeteremmo sempre gli stessi schemi.

Edward De Bono

In questo articolo hai visto come la creatività sia una componente fondamentale nell’essere umano e che tutti quanti siamo dotati di questa grandissima capacità, chi più e chi meno, tutti quanti noi possiamo svilupparla! Ora hai tutte gli strumenti necessari affinché anche tu possa dare il tuo contributo al mondo, rivoluzionandolo!

Se hai la tentazione di rimandare a domani questi esercizi che potresti fare ora, ti consiglio di leggere il mio articolo per combattere la procrastinazione!

Tu che stai partecipando a questo percorso di Crescita Personale sei a tutti gli effetti un Esploratore, quindi esplora e trova nuove soluzioni, crea nuove idee e aiutaci a cambiare il nostro mondo in meglio. Sii sempre creativo, in ogni aspetto della tua vita, ma la cosa più importante di tutte è che devi sempre divertirti!

Se ti è piaciuto e se l’hai trovato utile, aiutami a condividerlo. Usa i pulsanti che trovi qui in fondo per mandarlo ai tuoi amici. Se non l’hai già fatto all’inizio, ti chiedo di nuovo di lasciare un “Mi Piace” alla pagina Facebook di EsplorativaMente

Sono presente anche sui social Instagram e Twitter.

Ti Ringrazio di Cuore!

Buona Esplorazione!

Lascia un commento

Albert

Albert lo Scimpanzé è l'autore principale del progetto EsplorativaMente. La sua conoscenza approfondita e la sua passione, lo portano a coprire diverse tematiche riguardanti la Crescita Personale, portando riflessioni e tecniche sulle potenzialità della nostra Mente.
Chiudi il menu